Ceatec Japan, Macitynet in Giappone va caccia di tutto quanto fa futuro

Domani apre il Ceatec 2010, la più grande fiera dell'elettronica giapponese. Macitynet è a Chiba, dove si tiene la rassegna, per un reportage completo su tutto quanto fa futuro cercando anche di capire quello che arriverà intorno o dentro i nostri Mac, iPhone e iPad. Trovate tutti gli articoli nella nostra sezione Eventi.

Se lo scorso anno il Ceatec di Chiba, la più importante fiera al mondo per l’elettronica di consumo “Made in Japan”, era stata segnata dal trionfo del 3D, l’edizione 2010 dell’evento sarà caratterizzata da quello che potremmo chiamare il “3D release 2.0”, ovvero dal video in tre dimensioni che non richiede l’uso di occhialini.

In prima fila con un prodotto che sicuramente catalizzerà l’attenzione del pubblico che da domani si appresta ad affollare le sale della Makuari Messe, c’è Toshiba. Il suo Regza, un TV basato su processore Cell (lo stesso dalla PS3) grande star dello scorso anno, sarà mostrato in due versioni una da 12 e un da 21 pollici che senza uso di altri dispositivi che non siano lo schermo stesso produrranno una visione in tre dimensioni. La tecnologia è quella, nota, della proiezione di due differenti immagini, una per ciascun occhio, così che sarà il cervello a creare l’immagine in 3D; come accennato il sistema non è del tutto nuovo (proprio lo scorso anno a Chiba c’erano numerose realtà che presentavano display di questo tipo), ma Toshiba è la prima società di grande nome al mondo a creare un prodotto commerciale che sarà lanciato, per ora, in Giappone.Ceatec 2010Intorno a Toshiba tutta una serie di altre società del Sol Levante che nel campo del 3D hanno ormai un’esperienza di anni come Sony, Panasonic, Sharp e Hitachi. Da queste realtà ci si attendono novità che non saranno rivoluzioni, quando dispositivi a minor costo rispetto a quelli visti fino ad oggi e soprattutto occhiali più comodi e calzabili. Ma dietro le quinte, ancora nascoste, secondo la stampa locale giapponese ci potrebbero essere soprese piccole e grandi, come schermi OLED e display ultrasottili; in particolare Panasonic, una delle società più innovative, continua a perseguire la sua strada del Plasma e dovrebbe annunciare TV basati su questa tecnologia ma con spessore solo di poco superiore a quella dei LED.

E a proposito di Panasonic, come già scritto da Macitynet, nel suo immenso stand traboccante di prodotti di tutti i tipi, alcuni dei quali neppure si immagina possano essere accostati al nome di Panasonic (la ex Matsushita, solo per fare un esempio, costruisce anche water elettronici…), ci sarà spazio anche per una macchina fotografica Lumix, capace oltre che di fare foto anche di telefonare, un prodotto costruito con una concezione inversa rispetto a quella dei cellulari tradizionali che hanno una macchina fotografica integrata. Per Panasonic non sarà difficile realizzare un buon telefono dentro ad una digicamera, visto che in Giappone sono decine i modelli di smarphone Panasonic che si vedono nelle mani degli indaffaratissimi uomini d’affari o studenti che li usano per chattare o giocare su Internet.

Accanto ai TV e alle innovazioni dei grandi produttori di elettronica sono attesi passi avanti in tecnologie conosciute come i caricabatterie a sfioramento (NTT DoCoMo, il più grande operatore mobile giapponese che ha una lunga serie di telefoni brandizzati e personalizzati presenterà telefoni con sistemi di questo tipo), la connessione senza fili ad alta velocità (TransferJet di Sony dovrebbe apparire in nuovi dispositivi) mentre Samsung dovrebbe mostrare una versione da ben 330 Mbps di wiMax.Ceatec 2010In vista ci sono anche novità e idee, in parte geniali e in parte solo degli esperimenti, che arriveranno da piccole e grandi società che non hanno ancora annunciato nulla di quel che intendono mostrare nei tre padiglioni della fiera. Ma siamo pronti a scommettere su sorprendenti novità nel campo delle tecnologie verdi, da sempre cavallo di battaglia delle aziende giapponesi, robot costruiti per dimostrare progressi nel campo dei sistemi automatici di controllo delle automobili, schermi pieghevoli, componenti avanzate per computer sempre più multimediali, accessori per le case telematiche e un’ondata di gadget. Qualcosa di tutto questo arriverà anche da noi, magari sotto altre forme, qualche altra cosa resterà confinata nell’isola più innovativa del mondo, molto resterà solo un esperimento che però seminerà curiosità e voglia di progredire.

Siamo anche sicuri che ci sarà spazio per le tecnologie Apple, in particolari per quelle mobili. Qui in Giappone, da dove scriviamo queste note, iPhone 4 e iPad spuntano come funghi dovunque ci si giri, in particolare tra le mani dei teenagers che sembrano non conoscere altri telefoni che non siano quelli prodotti da Apple. Un vero e proprio boom rispetto agli anni scorsi quando, come possiamo testimoniare personalmente, si faticava davvero molto a vedere qualche telefono che non fosse uno dei tradizionalissimi (e tutti identici) cellulari a conchigli creati dalla “sacra quadrimurti” della tecnologia locale: Sharp, Panasonic, Sony e NEC e rimarchiati con il logo di Ntt DoCoMo, KDD o Softbank. Anche se Apple non è presente alla fiera di Chiba, la massa critica dei dispositivi che è riuscita a vendere potrebbe dare la stura alla fervidissima fantasia dei giapponesi nel campo dell’elettronica e generare qualche interessante soluzione.

Macitynet, in tutti i casi, è qui a Tokyo per raccontare tutto quel che sarà possibile raccontare e documentarlo con immagini e filmati come ormai fa da qualche anno  come è abituata a fare con tutti i grandi eventi della tecnologia.

Trovate tutti gli articoli dedicati al Ceatec nella nostra sezione Eventi.
Ceatec 2010