fbpx
HomeMacityNetworkChipset ottico IBM, si trasmette un film HD in un secondo

Chipset ottico IBM, si trasmette un film HD in un secondo

Nella comunicazione di lunedì i ricercatori IBM affermano di aver realizzato un prototipo funzionante di un innovativo chipset ottico. Con un ingombro fisico di poco superiore a quello di una moneta, 3,25 x 5,25 millimetri, questo chipset è in grado di sbaragliare qualsiasi concorrente per quanto riguarda la velocità  di trasferimento dei dati: 160 Gbps ovvero gigabit per secondo, 8 volte superiore rispetto ai chipset ottici più veloci oggi esistenti.

La misurazione della quantità  di dati massima gestibile in un secondo è notevole, ma più illuminanti risultano i paragoni utilizzati dai ricercatori per dare un’idea degli scenari applicativi. Se avessimo a disposizione un collegamento Internet della stessa velocità  di questo chipset ottico potremmo scaricare un intero film in alta definizione in un solo secondo; in alternativa si può pensare di utilizzarlo per spostare contenuti in rete locale o da una periferica ad un Pc. Ancora, il mostro ottico di IBM è in grado di gestire il traffico equivalente a quello generato da 4 milioni di telefonate vocali in contemporanea.

Spesso le tecnologie fresche di laboratorio richiedono poi diversi anni per diventare sufficientemente economiche per essere prodotte su larga scala, una fase di gestazione che può durare anche diversi anni dalla prima presentazione. Non in questo caso. Stando alle dichiarazioni dei ricercatori IBM, il nuovo chipset ottico può essere costruito con tecniche CMOS, da anni utilizzate per la costruzione di diversi chip, quindi su larga scala, grandi volumi e soprattutto costi ridotti.

Nel corso degli ultimi anni IBM ha gradualmente diminuito la propria presenza diretta nel campo dell’hardware e nel mondo dei computer, cedendo importanti attività  a diverse società , prima lo storage e dischi fissi a Hitachi, poi il settore notebook e desktop a Lenovo.
Questo non ha impedito anzi, per molti versi sembra proprio coincidere, con un ruolo sempre più marcato nel settore della ricerca avanzata, sui materiali e le tecnologie fondamentali per il futuro più o meno remoto della tecnologia. Nei centri di ricerca IBM è nato il processore G5, l’ultima generazione di processori non Intel adottata da Apple sulle proprie macchine professionali di punta, inoltre anche il super processore Cell a otto core, realizzato congiuntamente da IBM, Sony e Toshiba, garatisce il funzionamento della console Playstation 3.
[A cura di L. M. Grandi]

Offerte Speciali

MacBook Pro M1 pronta spedizione su Amazon

Risparmiate 410 € su MacBook Pro M1 da 512 GB: 1299 euro

Su Amazon va ancora in sconto il MacBook Pro M1. Risparmiate 410 euro per arrivare al prezzo minimo.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial