Diritti umani, Apple e Google sostengono app che traccia le donne saudite?

Un’applicazione realizzata dal governo dell’Arabia saudita - ora disponibile per iOS e per dispositivi Android - permette di controllare gli spostamenti delle donne saudite

Apartheid di genere, Apple e Google accusate di sostenere un’app che traccia gli spostamenti delle donne saudite

Un’app può rendere più semplice la discriminazione contro le donne e la violazione di diritti umani? Evidentemente sì: un’applicazione realizzata dal governo dell’Arabia saudita – ora disponibile per iOS e per dispositivi Android – permette di controllare gli spostamenti delle donne saudite, limitandone così la libertà. E ora, la decisione di Apple e di Google di approvare questa applicazione, fa molto discutere. 

“Apple e Google hanno regole contro le app che facilitano minacce e molestie”, ha dichiarato la ricercatrice dell’Human Rights Watch Di Rotha Begum -. Applicazioni come questa possono rendere semplice la mancanza di rispetto dei diritti umani, inclusa la discriminazione contro le donne”. Begum chiede agli store di applicazioni di considerare, prima dell’approvazione di un’app, tutte le funzionalità e i servizi della stessa.

“Il governo saudita, in merito all’app, potrebbe semplicemente rimuovere la funzionalità di monitoraggio di tracciamento della posizione dall’app e continuare a offrire il resto delle funzionalità”. Anche da parte di una ricercatrice di Amnesty International, Dana Ahmed, arriva l’invito ai due giganti della tecnologia “a valutare il rischio di violazioni dei diritti umani e mitigare i danni che queste app potrebbero avere sulle donne” e, per quanto riguarda l’app Absher, il commento su come questa app sia “un altro esempio di come il governo dell’Arabia saudita abbia prodotto strumenti per limitare la libertà delle donne”. 

Non è noto quante volte l’app sia stata scaricata da App Store, ma al momento della pubblicazione ha 536 voti, mentre da Google Play è stata scaricata più di un milione di volte.

 Apartheid di genere, Apple e Google accusate di sostenere un’app che traccia gli spostamenti delle donne saudite

Secondo la legge saudita, i diritti delle donne sono ridotti rispetto a quelli degli uomini e devono avere un tutore di sesso maschile (un famigliare) che ha il diritto di esercitare un controllo sulla vita della donna e su alcune azioni o commissioni. Con l’app Absher i tutori delle donne dell’Arabia Saudita possono essere in grado di stabilire che viaggi e che spostamenti possa fare la donna, quanto tempo può viaggiare, quali aeroporti possono essere utilizzati e annullare permessi per viaggiare a proprio piacimento. Tracciando i movimenti delle donne, è possibile ricevere avvisi di testo.