Home Hi-Tech Finanza e Mercato Ex capo App Store «Apple usa le regole come armi contro i...

Ex capo App Store «Apple usa le regole come armi contro i concorrenti»

L’ex capo di App Store ha dichiarato al comitato antitrust del Congresso che la multinazionale di Cupertino utilizza le sue regole contorte «Come un’arma contro i concorrenti». Ha citato Apple Arcade come prova di ciò: la società offre naturalmente il proprio servizio di gioco in abbonamento quando ne vieta altri come Xbox Game Pass.

L’ex direttore dell’App Store, Phil Shoemaker, ha affermato che Apple crea regole «Arbitrarie» che le consentono di bloccare o ostacolare i concorrenti indesiderati, che si tratti di app o servizi in abbonamento.

L’App Store per iPhone e iPad non consente servizi di gioco basati su abbonamento come Xbox Game Pass di Microsoft e Stadia di Google. Il motivo, secondo l’ex direttore dell’Apple App Store Phil Shoemaker, è perché «Le app che competono con i servizi di Apple hanno un track record di problemi nel superare il processo di revisione dell’App Store». Questo è quanto riferito in un nuovo rapporto antitrust della Camera.

Shoemaker ha indicato Apple Arcade, il servizio di gioco basato su abbonamento di Apple, come motivo principale per cui altri servizi di abbonamento ai giochi non sono disponibili per gli utenti di iPhone e iPad.

Il servizio di gioco di Apple, Apple Arcade, è un tipo di app che è stato costantemente vietato sullo store quando offerto da sviluppatori di terze parti, ma Apple ha consentito la propria app nello store anche se viola le linee guida esistenti

Shoemaker ha affermato che la società implementa linee guida per l’approvazione dell’App Store «Arbitrarie» e «Discutibili» e utilizza il suo controllo sull’App Store «Come un’arma contro i concorrenti».

Va notato che Apple offre una soluzione affinché altri servizi di giochi in abbonamento approdino sullo store: le app che vogliono offrire l’accesso a un catalogo di giochi possono farlo a condizione che ogni singolo gioco all’interno dell’abbonamento venga sottoposto all’approvazione dell’App Store. Questo è l’approccio adottato da GameClub, ad esempio, che Apple ammette nel negozio.

GameClub offre un catalogo ampio e in crescita di alcuni dei migliori giochi nella storia del gaming mobile. La nostra intera libreria è disponibile SENZA pubblicità e SENZA acquisti aggiuntivi quando inizi la tua prova gratuita. Solo puro divertimento ininterrotto. Ogni gioco può essere giocato offline, sempre e ovunque, e ogni settimana vengono rilasciati nuovi giochi

Tuttavia, GameClub offre anche il suo abbonamento come acquisto in-app, e se scegli di acquistare l’abbonamento opzionale, il pagamento verrà addebitato sul proprio account iTunes alla conferma dell’acquisto.

Ciò significa che Apple incassa il 30% sugli acquisti nel primo anno e il 15% in seguito. Il requisito per l’approvazione individuale di ciascuna app è un esempio di ciò che Shoemaker intende quando parla di “ostacolare i concorrenti”. Anche trattare i giochi in modo diverso rispetto ad altri contenuti scaricabili è arbitrario, sostiene.

Apple Arcade, fuori i giochi poco coinvolgenti: servono abbonati

Dato che Apple consente servizi come Netflix e Spotify senza rivedere ogni contenuto, perché non consentire un servizio simile per i giochi, si chiede l’ex capo App Store.

Apple afferma che i giochi sono diversi dai film e dalla musica perché sono interattivi e i consumatori hanno aspettative diverse. Resta da vedere come l’azienda giustifichi questa posizione e per questo si aspetta una risposta Apple più dettagliata al rapporto antitrust “nei prossimi giorni”. Avere il proprio ex capo dell’App Store contro non aiuterà l’azienda a sostenere la propria causa.

Microsoft ha dichiarato che si aspetta di risolvere il problema per Xbox Game Pass, e ritiene che ciò potrebbe equivalere a inviare con riluttanza ogni singolo gioco per la revisione.

Tutte le notizie di Macitynet che parlano di MicrosoftVideogiochi e servizi in streaming sono disponibili ai rispettivi collegamenti. Ricordiamo anche la vicenda Epic, che sebbene non sia incentrata sui giochi in streaming, riguarda l’ennesima battaglia videoludica che Apple sta affrontando al momento.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,828FollowerSegui