fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato Gli americani preferiscono le app alla TV

Gli americani preferiscono le app alla TV

Gli americani trascorrono più tempo a usare le app che a guardare la TV. E’ il risultato della ricerca “The State of Mobile” pubblicata annualmente da App Annie con l’obiettivo di analizzare l’impatto che ha il mobile su tutti i settori e nell’economia globale. Dalla ricerca emerge anche il fatto che i consumatori nell’ultimo anno hanno speso il 20% in più negli acquisti in-app per una spesa complessiva di 143 miliardi di dollari, una crescita in gran parte trainata dallo scoppio della pandemia che ha aumentato la domanda per l’intrattenimento casalingo.

L’adozione dei dispositivi mobili continua a crescere – si legge nel documento – e i download delle app sono aumentati del 7% rispetto all’anno precedente, raggiungendo la cifra record di 218 miliardi di download per il 2020, specialmente in Cina, Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud e Regno Unito. Come dicevamo il dato più interessante riguarda le abitudini degli statunitensi, che si intrattengono maggiormente con smartphone e tablet rispetto alla TV. L’americano medio guarda la TV 3,7 ore al giorno, mentre col telefono si distrae almeno 4 ore al giorno.

Gli americani preferiscono le app alla TV

Questa crescita è stata registrata in tutte le fasce d’età, anche se il picco più alto si è registrato con la popolazione più anziana, ovvero le persone con età compresa tra i 56 e i 74 anni che vengono classificati in quelle definite Generazione X e Baby Boomers, che hanno aumentato il tempo di utilizzo delle app su dispositivi mobili del 30%. Di contro, quello della generazione Z (i ragazzi con età compresa tra gli 8 e i 23 anni) è cresciuto del 16% nel corso del 2020, mentre la durata di utilizzo delle app da parte dei Millennials (24-39 anni) è cresciuta del 18%.

Secondo le stime di App Annie, la pandemia ha generato in un solo anno una crescita che in condizioni normali si sarebbe registrata in circa 3-4 anni. L’app che più ha beneficiato di questo periodo è stata TikTok, che rispetto all’anno precedente è stata usata il 325% del tempo in più, nonostante sia vietata in India. Andando a guardare zona per zona, negli Stati Uniti la crescita è stata del 65% mentre nel Regno Unito la percentuale sale all’80%, superando perfino Facebook. Secondo le previsioni, questa spinta potrebbe aiutare TikTok a raggiungere gli 1,2 miliardi di utenti attivi entro la fine del 2021.

Tutto questo, si sa, va di pari passo col mercato. Gli investitori infatti spostano le proprie attenzioni in base a quel che fanno i consumatori. Non stupisce quindi scoprire che nel corso del 2020 siano stati investiti 73 miliardi di dollari nelle società di telefonia mobile, ovvero il 27% in più rispetto all’anno precedente. Secondo i dati rilevati da Crunchbase, il 26% di tutti i finanziamenti fatti nel corso dell’anno da poco concluso è stato investito in aziende che includevano una soluzione mobile. Con uno sguardo più ampio a questa sfaccettatura, dal 2016 al 2020 i finanziamenti globali diretti alle società di tecnologie mobile sono più che raddoppiati rispetto ai cinque anni precedenti.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,883FansMi piace
93,611FollowerSegui