Ex dipendente patteggia per insider trading sull’acquisizione Apple di AuthenTec

Un ex dipendente di AuthenTec (società specializzata in chip per il riconoscimento delle impronte, tecnologie e software per la sicurezza su computer, reti e dispositivi mobile) ha patteggiato con la Commissione per i Titoli e gli Scambi statunitense il pagamento di 278.773$ per il reato di insider trading.

John Stimpson, senior network administrator, aveva comprato a luglio del 2012 opzioni di rimborso anticipato, derivati che aveva deciso di acquistare dopo avere appreso informazioni riservate circa la fusione con Apple dell’azienda con la quale lavorava. Presumibilmente l’uomo aveva ascoltato informazioni discusse nel corso di un meeting riservato del consiglio e notato particolari movimenti nel dipartimento risorse umane. Le “soffiate” giuste avrebbero permesso all’uomo di speculare sui titoli azionari, infrangendo però le durissime leggi americane sull’insider trading.

acquisizione Apple di Autenthec

Apple aveva messo sul piatto 356 milioni di dollari usando in seguito le tecnologie di AuthenTec come base per creare il Touch ID, il lettore di impronte digitali presente nel tasto Home di iPhone 5s e seguenti, sugli iPad dall’Air 2 e seguenti e sul MacBook Pro 2016.

 

Articolo precedenteCorsi al sabato in Èspero tra Illustrator, After Effects, WordPress e SEO
Articolo successivoMobotix completa la linea di telecamere con i nuovi modelli indoor