fbpx
Home Macity Internet La lenta agonia di Flash, anche Adobe lo sta abbandonando

La lenta agonia di Flash, anche Adobe lo sta abbandonando

Della morte di Flash sentiamo parlare da tempo, ma forse è meglio definirlo lento declino: alcuni, tenendo presente l’elevato numero di vulnerabilità periodicamente annunciate e poco dopo risolte, potrebbero indicare la serie di “sfortune” come una lenta agonia di Flash. Tutto questo accade perché, anche se tutti parlano della fine o della morte di Flash, sull’argomento non si è ancora pubblicamente espressa Adobe. Lo sviluppatore pubblica ancora con puntualità e tempismo nuove versioni, aggiornamenti e risoluzioni di vulnerabilità, che di volta in volta riportano Flash tra gli argomenti delle notizie tecnologiche.

Ora però la fine di Flash appare più vera e reale perché anche Adobe ha deciso di abbandonarlo. La tecnologia non è infatti più inclusa nell’ultima versione di Adobe Connect, insieme piattaforma e software per realizzare presentazioni, video conferenze, condivisione di lavagne e desktop, chiamate webcall fino a 1.000 partecipanti, strumenti di e-learning e molto altro ancora.

agonia flash adobe

La storia di Adobe Connect è tortuosa e complessa, parte dalle origini di una piccola società con Presedia Publishing System più Macromedia Breeze, acquisiti da Adobe negli scorsi anni, fino a diventare Acrobat Connect Pro: tra cambi di nome, scorporazioni e integrazioni. Quello che qui importa evidenziare è che per diversi anni alla base di Adobe Connect Pro c’era la tecnologia Adobe Flash. Ora tutto questo non è più, perché nell’ultima versione non occorre più scaricare e installare il plug-in Flash: tutto funziona con HTML5.

Nel frattempo Adobe non si è ancora pronunciata su Flash ma il destino è chiaramente segnato. Come anticipato, più che della morte o della fine di Flash, in questo caso è meglio parlare di declino o di lenta agonia. Ma si sa: il mondo della tecnologia non ha mai avuto pietà per gli standard superati, nemmeno quelli che hanno accompagnato gli utenti per tanti anni. Gli utenti Mac, di iPhone e iPad sono arrivati prima a questa realtà priva di Flash per decisione di Apple e di Steve Jobs: difficilmente ne sentiranno la mancanza. Per gli altri ci saranno ancora meno problemi: ormai HTML5 è più che pronto per farsi carico della preziosa eredità di Flash.

agonia flash

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 744 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,803FansMi piace
93,024FollowerSegui