Per la prima volta, un drone consegna un rene per il trapianto

Per la prima volta nella storia un drone trasporta un rene ad un paziente in attesa di trapianto da 8 anni.

Per la prima volta, un drone consegna un rene per il trapianto

Se da tempo si pensa ai droni per le consegne di prodotti più svariati, per la prima volta nella storia, un drone ha consegnato un rene a un paziente in attesa di trapianto, in attesa di un donatore da ben otto anni. L’organo è stato consegnato dopo un breve volo, durato circa 10 minuti, per una distanza di oltre 4 km.

Il drone è partito dall’ Agnes Hospital di San Baltimora, alla volta del dell’Università del Maryland medical center. Poche ore dopo la consegna il rene è stato trapiantato con successo. L’evento è stato raccontato ai microfoni del New York Times, con gli esperti del centro medico che hanno dichiarato come la soluzione sia risultata assolutamente efficiente, in grado di scongiurare i ritardi che avevano caratterizzato alcune consegne passate.

In passato, il centro racconta di un ritardo di oltre 29 ore prima della consegna di un organo da trapiantare, con rischi davvero evidenti per la salute dei pazienti in attesa.

Anche se può sembrare imprudente fare una prova con un organo vivo, l’UMD precisa di aver effettuato 44 voli di prova e di aver preso tutte le precauzioni possibili. Inoltre, il centro medico è stato coadiuvato nella logistica da AiRXOS, una divisione di GE Aviation che lavora sulle infrastrutture di supporto ai droni.

Il primo drone Matrice 210 di DJI Enterprise consegnato in Italia da Attiva

Trasportare un organo su drone offre anche alcuni vantaggi, ha dichiarato il centro medico, come la possibilità di monitorare costantemente le temperature, il tempo stimato di arrivo e altre statistiche.

Il team ha osservato che nonostante i progressi nelle procedure di trapianto d’organo, c’è ancora un ampio divario tra il numero di destinatari in lista d’attesa e il numero di organi disponibili. Ed allora, il trasporto con i droni ha il potenziale per contribuire ad allargare il pool di donatori di organi, oltre che l’accesso al trapianto. Portare un organo da un donatore ad un paziente è un dovere sacro, ed è fondamentale che lo si faccia al meglio. Questo il commento di chiusura dopo l’impresa.