Recensione AirMagic, l’app Mac e Windows che trasforma le foto dal drone in un click

In prova AirMagic, il software che in un click trasforma e ottimizza le foto scattate dai droni, con possibilità di applicare effetti e filtri.

Recensione AirMagic, l’app che trasforma le foto dal drone in un click

La nuova frontiera delle foto passa anche per i droni. I quadricotteri sono ormai davvero molto diffusi, alla portata di tutti, e non c’è bisogno di essere professionisti per immortalare qualche scorcio dall’alto che lasci a bocca aperta.

Non solo pilotare i droni è davvero facile, ma con AirMagic potrebbe essere altrettanto facile la post produzione di ciascuno scatto. L’applicativo, infatti, permette di modificare le foto dei droni con un solo click. Il risultato è apprezzabile. Ecco come si usa e cosa permette di fare.

AirMagic è un software davvero semplice da usare. Dopo averlo avviato è sufficiente trascinare una o più foto all’interno della finestra principale per poter modificare lo scatto. Non è necessario intervenire in alcun modo, il software fa tutto da solo.

AirMagic utilizza un algoritmo di elaborazione proprietario, che non necessita alcun intervento dell’utente. Sono sufficienti davvero pochi secondi, addirittura istanti, per far sì che l’app applichi le modifiche. L’elaborazione immagine è davvero rapida, e il primo intervento apprezzabile è l’eliminazione dell’effetto Haze, quella foschia caratteristica delle foto scattate con i droni, e che può spesso nascondere dettagli importanti.

Recensione AirMagic, l’app che trasforma le foto dal drone in un click

AirMagic interviene anche sul cielo, elemento che spesso non viene esaltato dalle foto da un drone. In questo caso migliora i colori, e lo fa in modo automatizzato: non serve essere esperti in foto ritocco, ma sarà sufficiente un solo click per applicare le migliorie alle foto.

Recensione AirMagic, l’app che trasforma le foto dal drone in un click

L’interfaccia di AirMagic è davvero minimale, semplice, ma al tempo stesso efficace. Dopo aver caricato una foto, l’app restituisce una visione del “prima” e “dopo”, potendo effettuare uno slide della foto per meglio capire la differenza tra i due scatti, quello naturale e quello modificato. Come si può vedere dalle foto che pubblichiamo in questo articolo, l’immagine modificata è sempre più vivace, con colori molto più saturi, e contorni dei dettagli più nitidi.

Recensione AirMagic, l’app che trasforma le foto dal drone in un click

Lo scatto modificato appare più “vivo”, ma al tempo stesso mantiene un buon bilanciamento del bianco, con l’esposizione del cielo più accentuata quel tanto che basta per rendere far risaltare maggiormente le nuvole, cosa che normalmente non avviene. AirMagic rincara la dose anche sul contrasto.

Recensione AirMagic, l’app che trasforma le foto dal drone in un clickAirMagic è un software completamente automatizzato. Da un lato questo consente a chiunque di modificare un’immagine, ma dall’altro non consente di modificare manualmente i parametri.

Ciò nonostante, l’utente potrà intervenire per incrementare o diminuire l’effetto applicato da AirMagic. Per farlo, sarà sufficiente cliccare sull’icona del pennello e spostare uno slider da destra a sinistra per vedere la foto modificarsi in tempo reale.

Recensione AirMagic, l’app che trasforma le foto dal drone in un click

Non solo, AirMagic offre all’utente anche cinque diversi stili, ossia effetti che modificano ulteriormente i colori. Si tratta di filtri che esaltano determinati colori, come Cinematic, Zephyr, Chinook, Emotionale e Sandstorm.

A seconda delle foto, l’uno può essere maggiormente adatto rispetto all’altro, anche se tendenzialmente tutti gli effetti risultano validi. Con ciò, ad onor del vero, troviamo che il meglio di sé venga dato dalla modifica standard, senza applicazione di filtri. Questi, infatti, alterano in modo pesante la foto, che invece rimane abbastanza naturale con la prima modifica di base.Recensione AirMagic, l’app che trasforma le foto dal drone in un click

Dopo aver modificato la foto, ovviamente, sarà possibile esportarle, salvandola su disco, inviandola tramite mail o pubblicandola sul social SmugMug. Tra i vari salvataggi possibili anche alcune opzioni di esportazione “avanzata”, grazie alla quale scegliere i profili di colore tra sRGB, Adobe RGB, ProPhoto RGB, e opzioni di formato tra JPG, PNG, TIFF, PDF, Photoshop e altre ancora.

Per i più esigenti, AirMagic offre il supporto ai plugin Adobe Lightroom e Photoshop, per una perfetta integrazione nei flussi di lavoro delle due app. In questo modo, anziché effettuare modifiche all’interno di Lightroom e Photoshop l’utente avrà la possibilità di prendere un gruppo di foto, cliccarci sopra col tasto destro e scegliere di modificarle su AirMagic.

In questo modo, non sarà necessario disporre di conoscenze tecniche avanzate, potendo beneficiare dell’automatismo offerto dall’applicativo di Skylum.

Recensione AirMagic, l’app che trasforma le foto dal drone in un click

Conclusioni

AirMagic ha dalla sua numerose caratteristiche interessanti. Tra tutte un’ottima UI, facile e intuitiva da utilizzare, che permette di migliorare sensibilmente le foto con un semplice click. Naturalmente, i maghi della grafica potranno utilizzare programmi più complessi e costosi per modificare al meglio le foto, ma per tutti coloro che non hanno competenze grafiche si tratta di una valida alternative.

Anche i filtri sono piacevoli da applicare, ma la principale funzione da sfruttare è quella di modifica base, che effettivamente toglie l’effetto “nebbia” che spesso è presente sulle foto dall’alto.

Se dovessimo, invece, elencare qualche mancanza, quella relativa all’impossibilità di raddrizzare l’orizzonte: trattandosi di un applicativo per le foto scattate dai droni, l’aggiustamento dell’orizzonte potrebbe essere caratteristica apprezzabile, considerando che molti droni hanno speso problemi a scattare con orizzonte in linea.

Se volete scaricare AirMagic iniziate da questa pagina. Con il codice  MACITYNET avrete uno sconto del 20% sull’aquisto della APP e 10 € di sconto sia su Luminar 3 con librerie che su  Aurora HDR 2019 di Skylum.