Recensione Netatmo: con iOS e Mac sotto controllo meteo e comfort degli ambienti

Netatmo è una stazione meteo connessa con iPhone, iPad, Android e Mac capace di rilevare dati in interno ed esterno, e di comunicare via Internet. Analizza anche la concentrazione di CO2, fornisce previsioni del tempo. Macitynet mette alla prova questo accessorio in vendita su Apple Store, Amazon e presso il sito di Netatmo.

L’iPhone e l’iPad (e il Mac) fanno anche il caffè? No, ma possono dirvi che tempo fa a casa vostra, che temperatura c’è dentro la casa e la concentrazione di CO2 di una stanza, tendendo sotto controllo il meteo e anche le condizioni di salubrità, da qualunque punto del mondo. Questo è quel che promette Netatmo (su Apple Store, Amazon e presso il sito di Netatmo), un  interessante accessorio compatibile con i dispositivi iOS e, per via di una semplice interfaccia Web, anche con Mac e PC, che abbiamo messo alla prova in questi giorni

Netatmo che cos’è
Netatmo è, appunto, una stazione di analisi dell’ambiente, composta da due sensori, uno per interni e uno per esterni capaci di misurare per gli interni: temperatura, umidità, inquinamento acustico, concentrazione di CO2 (anidride carbonica) e pressione atmosferica; per l’esterno: temperatura e umidità. La particolarità di questo sistema, non troppo diverso concettualmente da quelli prodotti da alcuni specialisti del settore (come la ben nota La Crosse oppure Oregon Scientific) è che si tratta di un dispositivo interamente connesso, che usa il Wi-Fi di casa vostra e i dispositivi mobili di Apple e Android, ma anche, come vedremo, un Mac o un PC per darvi istantaneamente i dati rilevati dai due sensori, da qualunque parte del mondo, tracciando anche costantemente grafici progressivi usando i dati storici.

Che cosa c’è nella scatola
Nella scatola di Netatmo troviamo i due sensori, un tassello per fissare al muro l’apparato esterno, una fascetta Velcro per fissarlo eventualmente ad un palo, 2 batterie sempre per l’apparato esterno, un cavo USB per l’alimentazione dell’apparato interno e un alimentatore. I due dispositivi, uno più grande e uno più piccolo si distinguono per attenzione al design e materiali. Sono realizzati in alluminio spazzolato e plastiche di eccellente livello.

L’apparato esterno è realizzato in maniera da essere impermeabile ma anche accessibile de resiste a raggi UVA e umidità. Due viti che si possono maneggiare senza cacciavite, serrano il comparto batterie che è isolato con una guarnizione. Nessuno dei due sensori fornisce informazioni numeriche. La componente per esterni ha un LED che ne segnala l’accensione, quella interna dei LED colorati che servono, per dare una visione istantanea sulla concentrazione di CO2; su quest’ultima componente abbiamo anche un tasto a sfioramento nella parte superiore per la forzare la misurazione dei dati invece che attendere la rilevazione programmata.

Complessivamente la stazione è stilisticamente eccellente, in perfetto stile Apple si potrebbe dire. Un aspetto importante se si considera che la componente interna deve stare su un mobile, magari in bella vista dentro ad un salotto o una cucina.