fbpx
Home Macity Business Testimone di Epic Games accusa Apple di avidità

Testimone di Epic Games accusa Apple di avidità

La causa tra Epic Games e Apple continua, con il susseguirsi di testimoni di ambo le parti che tentano di spostare la ragione dall’una all’altra fazione. Questa volta è toccato al creatore di Fortnite, che tramite l’esperto Eric Barns ha tentato di dipingere Apple come società avida. Ecco come e perché.

Secondo quanto riportato da The Verge, il testimone avrebbe confermato che un margine operativo per l’App Store del 77,8% nel 2019, a sua volta in aumento dal 74,9% registrato nel 2018. Lo stesso testimone avrebbe poi respinto le affermazioni dei testimoni di Apple secondo cui non era praticamente possibile calcolare il profitto, indicando le informazioni fornite dal gruppo di analisi e pianificazione finanziaria aziendale della società come prova di quanto affermato.

Apple, ovviamente, non era d’accordo con tali affermazioni. L’azienda tecnologica ha dichiarato a The Verge che i calcoli del margine sono “semplicemente” sbagliati e che  controbatterà alle accuse avanzate nel processo. Lo stesso testimone dell’azienda, Richard Schmalensee, ha affermato che Barnes stava esaminando un elemento dell’ecosistema iOS che distorceva l’apparente margine operativo. La cifra reale era “insignificante”, ha dichiarato, aggiungendo che non è possibile studiare i profitti dell’App Store senza guardare al contesto più ampio di dispositivi e servizi.

Apple ha chiuso l’account sviluppatore di Epic Games

La società non calcola profitti e perdite sulla base di prodotti e servizi, ha evidenziato Schmalensee.

Non c’è alcuna garanzia che la corte accetterà le dochiarazioni di Barnes. Il margine di profitto lordo complessivo di Apple è stato in genere elevato rispetto a gran parte del settore, ma mai così alto: era del 42,5% durante l’ultimo trimestre invernale dell’azienda. Apple ha anche teso a ritrarre l’App Store come un modo per incentivare le vendite di hardware, piuttosto che come un portatore di denaro a sé stante.

La testimonianza, tuttavia, fornisce indizi su come Epic perseguirà il suo caso contro Apple, mentre la battaglia in tribunale vera e propria inizierà il 3 maggio. Il creatore di Fortnite non solo vuole ritrarre Apple come anticoncorrenziale, ma abusa del suo enorme potere sulla distribuzione di app iOS per raccogliere enormi profitti.

La diatriba di Epic Games contro Apple è iniziata con l‘introduzione in Fortnite di un sistema di pagamenti diretto vietato dalle regole di App Store, ma anche dal regolamento di Google Play Store: il gioco è stato espulso da entrambi i negozi digitali. Tutti gli sviluppi della vicenda sono disponibili da questa pagina.

Offerte Speciali

iPad Pro 11″ 2020 da 1 TB solo 999€ (invece che 1669€)

iPad Pro 11″ 2020 da 1 TB solo 999€ (invece che 1669€)

Su Amazon iPad Pro 11" 2020 nella versione top da 1 TB scende al prezzo più basso della sua storia: 999 euro. Uno sconto del 25%
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,803FansMi piace
93,099FollowerSegui