Tim Cook spiega perché Steve Jobs era un CEO diverso da tutti gli altri

Tim Cook
Tim Cook

Il CEO di Apple è in carica dal 2011 e negli anni ha rilasciato numerose dichiarazioni sul suo rapporto con Steve Jobs: in una nuova intervista concessa a Bloomberg Tim Cook spiega perché Steve Jobs era un CEO diverso da tutti quelli che aveva conosciuto fino a quel momento. L’intervista completa è piuttosto lunga e […]

Il CEO di Apple è in carica dal 2011 e negli anni ha rilasciato numerose dichiarazioni sul suo rapporto con Steve Jobs: in una nuova intervista concessa a Bloomberg Tim Cook spiega perché Steve Jobs era un CEO diverso da tutti quelli che aveva conosciuto fino a quel momento.

L’intervista completa è piuttosto lunga e approfondita, andando a toccare diversi argomenti, tra cui l’incontro con il Presidente Donald Trump per discutere dei dazi doganali e di Apple Music, dei risultati e della filosofia di prodotto Apple, problemi sociali, politica e persino la sua possibile candidatura come Presidente USA,

Ma le parti senza dubbio più interessanti per gli appassionati Apple riguardano gli aneddoti e le riflessioni di Tim Cook sul suo primo incontro con Steve Jobs, racconto che parte con una precisa domanda dell’intervistatore David Rubenstein, uno dei tre soci miliardari fondatori di Carlyle Group.

cook steve jobs foto intervista Tim Cook spiega perché Steve Jobs era un CEO diverso Rubenstein «Tu eri alla Compaq, che al momento penso fosse uno dei più grandi produttori di personal computer … sei lì da circa sei mesi, e ricevi una chiamata da Steve Jobs, o qualcuno che lavora per lui, chiedendoti di venire a far parte di Apple. Apple era più piccola rispetto a Compaq, quindi perché hai sostenuto l’intervista e perché ti sei unito ad Apple?»

Tim Cook «È una bella domanda. Steve era tornato in azienda ed essenzialmente stava sostituendo il team esecutivo che era lì in quel momento. Ho pensato, sai, questa è l’occasione per parlare con la persona che ha dato vita all’intero settore. Steve mi ha riceuto sabato. Ci sono voluti solo pochi minuti per parlare con lui … voglio farlo. Sono rimasto completamente scioccato. C’era uno scintillio nei suoi occhi che non avevo mai visto in un CEO prima. Era come se lui stesse girando a sinistra quando tutti stavano andando a destra. Su quasi tutto ciò di cui parlava, stava facendo qualcosa di straordinariamente diverso dalla saggezza convenzionale».

Tim Cook e Steve Jobs

«Molte persone stavano abbandonando il mercato consumer perché era un bagno di sangue. Steve stava facendo l’esatto contrario. Stava investendo ancora di più nel segmento consumer nel momento in cui tutti gli altri, la saggezza convenzionale dicevano “vai a mettere i tuoi soldi nel settore storage e nei server”. Parlare con lui, e il tipo di domande che faceva, erano anche diversi. L’ho fatto, letteralmente prima che me ne andassi, pensavo “Spero che mi offra un lavoro, perché voglio davvero farlo».

Interessante anche un’altra risposta di Tim Cook sulla sua successione nel ruolo di Steve Jobs, con alcune considerazioni che fanno luce sui processi decisionali interni di Cupertino, incluso quello fondamentale della scelta del dirigente che ricoprerà l’incarico di CEO.
Rubenstein «La salute di Steve era tale che non poteva continuare ad essere CEO. Lo riferì al consiglio di amministrazione. E tu sei stato annunciato come il nuovo CEO, penso a luglio del 2011. Quando diventasti CEO, ritieni che Steve disse ecco cosa mi interessa fare, e raggiungi i miei obiettivi, oppure ritieni che tu potessi avere la tua opinione su cosa fare, e come hai bilanciato le due cose? Stavi per sostituire una figura leggendaria …»

«Non è stato così sequenziale. Abbiamo un’azienda davvero aperta, quindi la maggior parte di noi potrebbe completare le frasi di un’altra persona, anche quando potremmo non essere d’accordo con loro. Quindi, non era una questione di Steve avere un file segreto o altro. [Steve, ndr] condivideva sempre le sue idee – tutto il tempo. Quindi, era molto diverso da quello. Onestamente, la mia opinione in quel momento era che sarebbe stato Presidente e lo avrebbe fatto per sempre, e in qualche modo saremmo riusciti a capire il cambiamento delle relazioni. È quello che pensavo. Sfortunatamente, non è andata in questo modo».

Infine rispondendo a una domanda su Apple Park emerge anche la visione di Steve Jobs sull’ambiente di lavoro e sull’importanza della collaborazione: «Steve aveva la visione che il posto di lavoro dovrebbe agevolare la collaborazione tra le persone… avere aree comuni in cui le persone possano lavorare insieme e incontrarsi senza pianificarsi di farlo … e che il livello di idee, creatività e innovazione che ne deriverebbe potesse essere fenomenale. E lo stiamo vedendo».

L’intervista completa di Bloomberg è disponibile in video.