Mercato smartphone 2015, Apple cresce più di Samsung

Nel mercato smartphone 2015, Apple riduce lo scarto percentuale anno su anno con Samsung, ma perde il confronto numerico nel trimestre di Natale. Sono questi i due elementi di maggior interesse che emergono dai dati elaborati da Strategy Analytics  sull’andamento delle vendite degli smartphone.

Ora che tutte le cifre ufficiali sono note, la società di analisi di mercato è in grado di assegnare ad Apple il 16,1% del mercato globale degli smartphone, contro il 22,2% di Samsung. Tra Cupertino e la principale concorrente ci sono 6,1 punti percentuali, meno dello scorso anno quando erano 9,7. Apple però ha contato soprattutto sul trionfo ottenuto nei primi mesi dell’anno perché nell’ultimo trimestre, pur avendo conquistato una leggera crescita, in fatto di unità vendute (74,8 milioni contro 74,4 milioni) ha perso mercato (18,1% contro 19,6%) mentre Samsung ha guadagnato (20,1% contro 19,6%).

I risultati migliori trimestralmente li hanno portati a casa in cinesi. Huawei guadagna quasi il 35%, Xiaomi il 14%. Samsung (+0,8%) e soprattutto Apple (+0,4) sono praticamente ferme, ma avendo anche la fetta più grande del mercato, in un contesto di rallentamento globale, questo non stupisce.

Un altro aspetto di interesse più generale è il rallentamento del mercato degli smartphone, sia se si guarda all’intero anno, sia al trimestre di Natale. Nel periodo di Natale del 2014 le vendite erano cresciute del 31%, mentre quest’anno solo del 6,4%. Anno su anno la crescita è passata dal 29,6% al 12,3%. Apple batte in maniera significativa questo dato percentuale con un +19,7%.

Tornando ad Apple, Strategy Analytics sottolinea che il mercato di Apple potrebbe avere raggiunto il suo massimo, almeno se i mercati restano quelli attuali. «Se Apple vuole tornare a crescere – dice la società di analisi – deve espandersi in nuovi mercati come India o Nigeria

Mercato smartphone 2015

 

Articolo precedenteFacebook va oltre il “mi piace”: ?,?,?,?, e ? presto disponibili per tutti
Articolo successivoApple ha comprato LearnSprout, startup specializzata in tecnologie per l’educazione