Apple compra LuxVue per i Micro LED, che interessano anche Google

Apple ha acquisto LuxVue, una società misconosciuta ma che stava lavorando a tecnologie potenzialmente interessanti per il mercato di Apple: i micro-LED.

L’acquisizione dell’azienda americana, probabilmente una delle 24 acquisite durante lo scorso anno, è arrivata sottotraccia, mentre LuxVue gestiva i 43 milioni di dollari da investitori privati. Il suo suo reparto ricerca e sviluppo è guidato da Kapil Sakariya, un uomo che conosce bene Apple dove ha lavorato come Display Architect e iPhone Operations and Procurement Manager, prima di lasciare Cupertino nel 2011 per andare, appunto, a LuxVue.

La tecnologia chiave, i Micro LED, sono componenti estremamente miniaturizzate, al punto da consentire di creare display competitivi con quelli OLED, rispetto a quali però hanno una luminosità molto più elevata, quella tipica dei normali schermi LED.

I micro LED sono anche in grado di ridurre i consumi ad un livello paragonabile proprio a quello degli OLED. Per questa ragione sembra che Google possa passare alla tecnologia Micro LED per i suoi Google Glass che avrebbero una luminosità pari a 1500 nits invece che gli attuali 150 Nits, resi possibili dai display OLED.

Apple potrebbe essere interessata alla tecnologia Micro LED per numerosi dispositivi, anche se la prima cosa che viene in mente è un loro impiego in future generazioni di prodotti per elettronica vestibile.

Attualmente i Micro LED non sarebbero ancora pronti per un debutto per prodotti commerciali, ma è possibile che con gli investimenti di cui è capace Apple, il team di LuxVue possa essere in grado di passare dalla ricerca ai prodotti finiti in un tempo rapido.

Apple, da parte sua, come sempre non si sbilancia, confermando semplicemente di avere acquisito LuxVue con la consueta formula.: «di tanto in tanto acquisiamo piccole società e generalmente non discutiamo lo scopo dell’acquisizione e i nostri propositi»

Luxvue

Articolo precedenteApp iPad in offerta: Roll Boulder Smash, Warlords Classic, Machinarium
Articolo successivoNuovi MacBook Air 2014, dischi SSD più lenti di quelli dell’anno scorso