fbpx
Home iPhonia Apple Watch Apple pubblica i primi dati dello studio sulla salute delle donne

Apple pubblica i primi dati dello studio sulla salute delle donne

Il team dello studio Apple sulla salute delle donne, Women’s Health Study presso la Harvard T.H. Chan School of Public Health, ha pubblicato un aggiornamento preliminare che fornisce nuove conoscenze scientifiche sulle donne e sui sintomi mestruali, rese possibili dai dati raccolti con l’innovativa metodologia di ricerca dell’app Apple Research.

Riferito a un campione di 10.000 donne di età ed etnie diverse negli Stati Uniti, l’aggiornamento dimostra come una ricerca longitudinale su larga scala sul ciclo mestruale possa contribuire al progresso scientifico nel campo della salute femminile e aiutare a superare lo stigma sulle mestruazioni.

Primi dati dell’Apple Women’s Health Study per superare lo stigma sui sintomi mestruali
I dati preliminari dell’Apple Women’s Health Study dimostrano come una ricerca longitudinale su larga scala sul ciclo mestruale possa contribuire al progresso scientifico nel campo della salute femminile e aiutare a superare lo stigma sulle mestruazioni.

Benché buona parte della comunità medica lo consideri un importante indicatore della salute di una donna, il ciclo mestruale rimane un argomento poco studiato. Le ricerche mediche sulle mestruazioni sono state spesso condotte su campioni limitati, non rappresentativi della popolazione. Senza dati scientifici sostanziali, la tendenza è stata quella di ignorare i sintomi mestruali o di liquidarli come un’esagerazione dovuta a ipersensibilità.

Tramite l’app Research, lo studio Apple sulla salute delle donne invita a partecipare alla ricerca utilizzando il proprio iPhone e, per chi lo possiede, il proprio Apple Watch. Questo studio permette di raccogliere un set completo di dati sul monitoraggio del ciclo e altre informazioni sanitarie da donne di età ed etnie diverse in tutti gli stati e i territori americani, rafforzandoli con sondaggi specifici. Sono le partecipanti a decidere che tipo di dati condividere con lo studio, ed è garantita la massima trasparenza sul loro utilizzo.

L’analisi preliminare dei dati della Harvard Chan School, relativi alle prime 10.000 donne che si sono iscritte allo studio e hanno risposto a un sondaggio demografico, riconosce un’ampia gamma di sintomi mestruali, alcuni dei quali meno conosciuti o discussi. Crampi addominali, gonfiore e stanchezza sono i sintomi riportati con maggiore frequenza (oltre il 60% delle partecipanti che hanno registrato i sintomi del ciclo). Più della metà delle donne ha segnalato anche sintomi come acne e mal di testa. I sintomi meno comuni, come diarrea e alterazioni del sonno, sono stati registrati dal 37% delle partecipanti.

Una prima analisi dei dati sembra inoltre suggerire che questi trend accomunino ampie fasce della popolazione, indipendentemente da età, etnia e ubicazione geografica. Per esempio, crampi addominali, gonfiore e stanchezza sono i sintomi più frequenti non solo per le donne bianche, ma anche per quelle nere e ispaniche.

«Il nostro studio servirà per costruire un futuro più equo in cui tutte le persone con ciclo mestruale avranno accesso ai servizi sanitari e ai prodotti necessari per sentirsi sicure e in controllo del proprio corpo» spiega la Dott.ssa Michelle Williams, preside di facoltà alla Harvard Chan School. «Costruendo una base di conoscenza solida e generalizzabile, lo studio Apple sulla salute delle donne ci sta aiutando a capire perché le mestruazioni sono causa di difficoltà o isolamento per alcune persone, e a promuovere una maggiore consapevolezza su un’esperienza che accomuna tutte le donne del mondo».

Primi dati dell’Apple Women’s Health Study per superare lo stigma sui sintomi mestruali
Tramite l’app Research, l’Apple Women’s Health Study permette di raccogliere un set completo di dati sul monitoraggio del ciclo e altre informazioni sanitarie da donne di età ed etnie diverse in tutti gli stati e i territori americani, rafforzandoli con sondaggi specifici.

«Queste scoperte sono un passo avanti verso il riconoscimento dei sintomi mestruali e il superamento dello stigma che li riguarda» dichiara la Dott.ssa Sumbul Desai, Vice President of Health di Apple. «Il team di ricerca della Harvard Chan ha grande esperienza con questo argomento così importante e Apple è orgogliosa di poter sostenere i suoi studi e di contribuire ad ampliarli con l’app Research». Il team approfondirà ulteriormente i dati preliminari e fornirà un’analisi dettagliata, completa di indicazioni sulle metodologie, per la revisione e la pubblicazione.

«I dati preliminari condivisi oggi suggeriscono che molti sintomi mestruali sono comuni alle donne di tutto il Paese e che si dovrebbe parlare di più di questo fenomeno naturale che si ripete ogni mese» dichiara la Dott.ssa Shruthi Mahalingaiah, fra le autrici dello studio e professoressa aggiunta di salute ambientale, riproduttiva e femminile presso la Harvard Chan School. «Non vediamo l’ora di proseguire il nostro lavoro per creare nel tempo un insieme di dati sul lungo periodo che possano fornire lo spunto per altre ricerche».

Lo studio Apple Women’s Health Study è la prima ricerca nel suo genere e ha lo scopo di comprendere meglio i cicli mestruali e la loro correlazione con varie condizioni di salute, tra cui la sindrome dell’ovaio policistico, l’infertilità e la transizione verso la menopausa. Le utenti di iPhone e Apple Watch negli Stati Uniti possono scaricare l’app Research per partecipare alla ricerca, condotta in collaborazione con la Harvard T.H. Chan School of Public Health e il National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS).

Negli scorsi giorni Apple ha pubblicato anche i risultati della ricerca sulla salute dell’uditoTutte le notizie relative all’ambito della salute e dei suoi legami con la tecnologia si possono trovare nella sezione dedicata di Macitynet. Tutti gli articoli di macitynet che parlano di iPhoneiPad, Mac, Apple Watch e Apple TV sono disponibili ai rispettivi collegamenti.

Offerte Speciali

MacBook Air 2019 vs MacBook Air 2020, specifiche a confronto

Minimo storico per MacBook Air M1 256 GB: 1037,00 €

Il portatile più ricercato della nuova ondata di Mac in offerta con uno sconto al 10% su Amazon. Tanta velocità per il nuovo MacBook Air M1
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,831FansMi piace
93,206FollowerSegui