Boxy porta su Mac l’email del futuro di Google Inbox

boxy

Se siete utenti di Google Inbox, l’interfaccia email “professionale” di Gmail, e siete alla ricerca di un client Mac dedicato, Boxy potrebbe essere l’applicazione che fa per voi.

Molto probabilmente Google non rilascerà mai un client desktop per la sua email, né per Gmail né per Inbox. E’ dunque compito degli sviluppatori metterci una pezza e pensare a tutti coloro che preferiscono i vecchi client email alla webmail ed è questo il compito che si prefigge, Boxy, sviluppata da un italiano, e che vi permetterà di utilizzare Google Inbox come se si trattasse di un’applicazione nativa.

L’app differisce in alcuni aspetti dalla web app che gli utenti sono abituati ad utilizzare via browser: è disponibile una sidebar più snella, la possibilità di sfruttare le notifiche desktop presenti su Mac OS X, una modalità di lettura apposita e ovviamente il vantaggio di non dover per forza aprire il browser per leggere la posta.

Al momento gli sviluppatori sono al lavoro per migliorare alcuni difetti di giovinezza dell’app, ed aggiungere nuove funzionalità come una finestra di composizione dedicata o la possibilità di lavorare in split-screen o a schermata piena, in modo da sembrare più un app nativa e non semplicemente una replica della web app.

Per il resto, l’interesse verso questa applicazione risiede totalmente nell’interesse che potete nutrire verso Google Inbox. Per chi non lo conoscesse, Google Inbox è un’interfaccia alternativa per la gestione delle posta elettronica di Gmail, che Google ha sviluppato secondo le esigenze dei “power user”.

Google Inbox include molto opzioni e funzionalità innovative, ma anche molte mancanze rispetto a Gmail. In definitiva se siete degli utilizzatori assidui di Google Inbox, potete farci un pensierino: Boxy è disponibile a 4.99 euro su Mac App Store a questo link diretto. Se invece Inbox non vi convince, potete saltare Boxy a piè pari.

boxy

Articolo precedenteIl prossimo gioco Nintendo su iPhone potrebbe essere Super Mario
Articolo successivoFacebook live stream, video in diretta da iPhone in arrivo in Italia