Home Macity Internet FBI ha letto dati da oltre 100 smartphone sequestrati agli anti-Trump

FBI ha letto dati da oltre 100 smartphone sequestrati agli anti-Trump

[banner]…[/banner]

I federali USA sono in possesso di qualche strumento che ha permesso di estrarre i dati da oltre 100 telefoni sequestrati nel corso di arresti avvenuti nel centro di Washington durante l’insediamento di Trump. Lo rivelano documenti legali che il pubblico ministero ha depositato mercoledì 22 marzo.

Mandati di perquisizione avrebbero consentito di accedere ai dati di telefoni (non è dato sapere quali marche e modelli) prelevati alle persone arrestate nel corso della cerimonia di insediamento, inclusi quelli di persone non direttamente incriminate. Tutti i telefoni erano bloccati, elemento che ha “reso necessario più tempo per ottenere i dati” ma a quanto pare di capire è stato ad ogni modo possibile accedere ai dati memorizzati, sfruttando probabilmente strumenti come quelli prodotti dall’isreaeliana Cellebrite o simili.

BuzzFeed spiega che 214 persone sono accusate di disordini legati alle dimostrazioni del 20 gennaio con risvolti violenti e che secondo gli inquirenti hanno provocato danni di oltre 100.000$ per danni alla proprietà. Alcuni imputati sono accusati separatamente anche per vandalismo e aggressione degli agenti di polizia.

Come è facile immaginare, i dispositivi mobili possono essere una miniera di informazioni. Gli smartphone contengono la cronologia delle chiamate, i messaggi di testo, le foto, i video e la lista dei siti visitati, tutto ciò con l’aggiunta dell’orario esatto e della geolocalizzazione.

Offerte Speciali

Super sconto su MacBook Pro 13″ 16/512 GB: risparmio da oltre 400 euro

Su Amazon è in forte sconto il nuovo MacBook Pro 13" in versione 16 GB RAM / 512 GG HD SSD. Lo pagate oltre 400 euro meno del prezzo Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,822FollowerSegui