fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato Google al lavoro sull'antagonista di Apple Card

Google al lavoro sull’antagonista di Apple Card

Google sta sviluppando una sua carta di debito da offrire in partnership con alcune banche negli Stati Uniti. Lo rivela il sito TechCrunch che ha ricevuto alcune immagini con bozze della grafica che fanno riferimento alla carta di debito fisica e virtuale. Con la carta di Google e i conti bancari associati a questa, sarà possibile effettuare acquisti anche da smartphone o online; il sistema sarà gestibile da un’app Google che offrirà funzionalità per monitorare gli acquisti, visualizzare il saldo e bloccare il conto. La carta mostrerà il marchio congiunto di Google e diversi partner di servizi bancari come CITI e Stanford Federal Credit Union.

TechCrunch riferisce di avere avuto conferma da più fonti che Google sta da tempo lavorando sui pagamenti con carta bancaria, elemento che spera diventerà la base di riferimento per l’app Google Pay e competere con Apple Pay e l’Apple Card, la carta di credito Apple realizzata con Goldman Sachs.  Al momento Google Pay consente di effettuare solo pagamenti online e peer-to-peer (P2P), i pagamenti effettuati direttamente da una persona all’altra, collegando una tradizionale carta di pagamento. Una “Google Pay Card” permetterebbe di ampliare notevolmente l’uso del cash grazie all’app e contribuire a far emergere Google nel settore della tecnofinanza.

Come accennato la carta dovrebbe essere disponibile sia come card virtuale, sia come carta fisica. Dalle schermate ottenute dal sito statunitense si evince che l’utente sarà in grado di aggiungere o rimuovere fondi legati ai conti correnti usando l’impronta digitale e un PIN per la sicurezza dell’account. Gli utenti avranno a disposizione anche un numero di carta virtuale con tanto di codice di verifica (CVC), il codice di tre cifre che normalmente si trova sul retro della carta di credito.

Da quello che sembra di capire non sarà in tutto e per tutto un concorrente di Apple Card ma offrir funzionalità simili. Google sembra più volere imitare Apple Cash, il sistema di pagamento che negli Stati Uniti permette di ricevere denaro tramite Messaggi (l’importo viene accreditato sulla carta Apple Cash nell’app Wallet), denaro che è subito utilizzabile o è possibile trasferire sul proprio conto corrente. Non c’è ancora un annuncio ufficiale da parte di Google e non è dato sapere quando la sua carta di debito sarà disponibile.

Google al lavoro su un’antagonista di Apple Card

Tra le peculiarità di Apple Card, l’assenza di commissioni ma anche un meccanismo di cashback che offree agli utenti il 2% sulla maggior parte degli acquisti e del 3% se utilizzata per pagare servizi e prodotti Apple. Altre funzionalità del Wallet permettono di aiutrare gli utenti a ripagare qualsiasi debito della carta prima che diventi un problema, e non mancano funzionalità come la alla possibilità di impostare notifiche e avvisi in caso di spese non ordinarie. Utile anche la possiiblità di vedere su una mappa i luoghi in cui si è fatto acquisti (non una semplice lista di codici dei negozi ma ma una mappa vera e propria con la loro posizione). Ogni volta he si usa Apple Card, l’utente guadagna s rimborsi («Daily Cash»), soldi che vengono accreditati all’istante e che possono essere utilizzati per ulteriori acquisti.

Offerte Speciali

iPhone 11 Pro 64GB al prezzo minimo storico: solo 969 €, risparmiate 220 euro!|

Torna la grande promozione su Amazon: iPhone 11 Pro 64 Gb scende al prezzo minimo della sua storia. Lo pagate: solo 969 euro invece che 1189 €
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,535FansMi piace
94,174FollowerSegui