Recensione speaker Huawei Sound Joy con devialet, un ottimo ingresso nel settore

Recensione Huawei Sound Joy

Huawei non è ormai nuovo nel panorama dei dispositivi intelligenti, eppure non si è mai gettato a capo fitto nel panorama degli altoparlanti Bluetooth. Per questo abbiamo accolto con curiosità l’idea di provare Sound Joy, un altoparlante Bluetooth sviluppato in collaborazione con la società francese di tecnologia audio Devialet, che ha lo scopo di sfidare concorrenti invece ben noti in questo segmento.

Design

Huawei Sound Joy si presenta con una forma cilindrica, al di sopra del quale è presente una fitta rete di tessuto e plastica soft-touch. È alto circa 20 cm, largo meno di 7,5 cm e pesa 680 grammi. A livello estetico è molto piacevole. Sulla parte alta insistono due grandi pulsanti meno e più, che permetteranno di alzare o abbassare facilmente il volume, mentre sulla parte posteriore c’è una pulsantiera di controllo più articolata: dal pulsante di accensione, a quello per richiamare l’assistente vocale su smartphone, dal play/pausa al pulsante Bluetooth. Sempre sul retro è posizionato il connettore USB-C per la ricarica e il pulsante per abbinare un secondo altoparlante per creare un’esperienza stereo.

Recensione Huawei Sound Joy
Sulla parte bassa sono posizionati due piedini, che servono per posizionare l’altoparlante in posizione orizzontale su una scrivania. Sul frontale, invece, un piccolo logo NFC, che per l’appunto ne segnala la posizione per un abbinamento più rapido.

Recensione Huawei Sound Joy

Come è fatto

Al suo interno è presente un altoparlante a piena frequenza da 20 W, accompagnato da un tweeter da 10 W. Il suono è amplificato dalle due griglie passive del radiatore su ciascun lato, su uno dei quali insiste una anello LED multicolore che offre toni di colore che si sincronizzano con la musica in ascolto, ma che è possibile disattivare dall’app. Può anche mostrare informazioni utili come il livello della batteria, il livello del volume o l’avanzamento dell’aggiornamento del firmware, da avviare sempre tramite applicativo su smartphone.

Recensione Huawei Sound Joy

Sound Joy è un altoparlante monofonico anche se, come accennato poco sopra, può essere abbinato a un secondo altoparlante per una configurazione stereo.

Recensione Huawei Sound Joy

Come suona

Huawei Sound Joy ha una impronta chiaramente volta alle frequenze medio basse. Questo vuol dire che durante la riproduzione la voce tende leggermente a perdersi dietro il suono, che risulta estremamente corposo. Non è necessariamente un male, ma la voce dei cantanti, durante l’ascolto musicale, non è tra le più cristalline. Questo vuol dire, invece, che l’altoparlante tende a dare il meglio durante la riproduzione dei film, e Sound Joy ci è parsa sin da subito una valida alternativa agli altoparlanti di una TV di fascia media.

Recensione Huawei Sound Joy

E’ anche un validissimo compagno per da abbinare ad un monitor senza altoparlanti, come ad esempio Huawei Mate View che abbiamo recensito a questo indirizzo.

Recensione Huawei Sound Joy

Il collegamento al Sound Joy avviene esclusivamente tramite Bluetooth 5.2, e non è presente alcun jack da 3,5 mm. E’ possibile collegarlo all’app AI Life di Huawei, tramite la quale poter impostare alcune diverse modalità di ascolto, timer di spegnimento automatico, o lanciare gli aggiornamenti firmware. Tra le modalità di ascolto è presente quella HiFi standard, quella Vocale e quella Devialet. Tornando al discorso della voce, anche impostando la modalità Vocale, l’altoparlante sempre sempre preferire le note più basse, e la voce dei cantanti non risalta mai al massimo. Ribadiamo, si tratta anche di gusti personali e in diversi gente musicali potrebbe anche essere un lato a favore.

Recensione Huawei Sound Joy

Nel complesso la riproduzione musicale potrebbe deludere quanti non amano che i bassi prendano il sopravvento, coprendo un po’ la voce e lasciandola quasi in secondo piano. Il volume è più che sufficiente e questo Sound Joy riesce a coprire tranquillamente stanze di grandi dimensioni, oltre che poter ravvivare un party all’aperto.

Recensione Huawei Sound Joy

L’app consente anche di mettere a punto i bassi tramite una manopola del cursore in cui puoi armeggiare tra i valori di -6db e +6db, bassi che comunque rimangono sempre presenti. Sound Joy supporta i codec AAC e SBC e viene fornito con tre microfoni integrati. La qualità delle chiamate è buona e gli interlocutori all’altro capo della cornetta hanno sempre ricevuto una voce chiara e cristallina.

Recensione Huawei Sound Joy

Autonomia

Huawei Sound Joy include una batteria da 8.800 mAh che il produttore dichiara poter restituire un’autonomia di 26 ore di riproduzione continua. Da notare il supporto alla ricarica da 40 W, che permette già in appena un quarto d’ora di ricarica di ottenere oltre un’ora di utilizzo.

Recensione Huawei Sound Joy

Conclusioni

Huawei Sound Joy è un buon primo tentativo del colosso cinese per entrare in questo segmento musicale. Il design sembra premium, la luce ad anello a LED fornisce quel tocco che non guasta, mentre la classificazione IP67 e l’autonomia fanno il resto. La qualità sonora è buona, con l’intero impianto che tende alle frequenze medio basse. Nel complesso l’ascolto è sempre piacevole, e in generale si tratta di un altoparlante versatile che può essere utile, oltre che per la riproduzione dei propri brani preferiti, anche per affiancarla ad una TV o ad un laptop.

PRO

  • Estetica
  • Anello LED
  • Bassi ben presenti
  • Suono avvolgente…

CONTRO

  • …voce è leggermente in secondo piano

Huawei Sound Joy è attualmente in vendita su Amazon a 115 euro circa.

Articolo precedenteBloomberg conferma: Apple lavora ad iPhone USB-C
Articolo successivoSamsung Memory Card PRO Endurance, microSD ottimizzata per le telecamere di sorveglianza