HomeMacityFuturoscopioI nuovi MacBook Pro porteranno al debutto Light Peak?

I nuovi MacBook Pro porteranno al debutto Light Peak?

I prossimi MacBook Pro potrebbero avere tra le loro caratteristiche più innovative l’adozione di Light Peak. La prospettiva di un lancio nelle nuove macchine di questa tecnologia Intel capace di velocizzare notevolmente (portandola fino a 10 GB/s) le connessioni delle periferiche al bus cui è noto che Apple da sempre guarda con interesse, emerge da un articolo di C/Net. La rivista on line non fornisce molte informazioni sull’argomento, limitandosi a specificare che l’annuncio arriverà “presto” e che molto probabilmente Apple (come fa molto spesso) non userà questo nome, ribrandizzando Light Peak con una denominazione commercialmente più accattivante.

Il fatto che Apple possa annunciare un prodotto con Light Peak non stupisce e non stupisce neppure che Intel abbia avuto un occhio di riguardo per Cupertino. La prima dimostrazione avvenne su un MacBook Pro e successivamente si è spesso vociferato di un interesse di Apple per questa tecnologia che le consentirebbe di collegare periferiche a velocità estremamente alte, tanto alte che fin dal debutto si è parlato di esperimenti condotti anche nei laboratori della Mela. Da qualche fonte si è addirittura ipotizzato che sia stata Apple a chiedere ad Intel di sviluppare questa tecnologia.

Che siano i MacBook Pro a supportare Light Peak è una supposizione che parte dal fatto che a breve dovrebbero arrivare queste macchine; se quindi anche “a breve” arriverà Light Peak è probabile che siano i laptop ad introdurre sul mercato l’invenzione di Intel. A fine 2010 anche Macitynet aveva, per altro, dato notizia di un lancio di questa tecnologia ad inizio 2011.

Molto più problematico è provare ad indovinare come Light Peak sarà implementata da Apple. Il protocollo di Light Peak è in grado di trasportare ogni tipo di protocollo, ovviamente alla velocità massima consentita dal protocollo stesso; poiché non c’è niente sul mercato capace di distribuire dati a 10 GB/s  (e in questo senso l’esempio spesso fatto di un disco Blu-ray trasferito in pochi secondi per descrivere la velocità di Light Peak fuorviante) non si può pensare che ci sia nulla di tanto veloce, almeno al momento, in fatto di connessione di periferiche; per toccare questa velocità si deve avere una periferica nativa per Light Peak e un connettore Light Peak. Ma allo stato attuale delle cose sembra difficile che Apple lanci un prodotto con un connettore che non avrebbe alcun significato commerciale. Quel che potrebbe attendibilmente accadere è che Apple usi Light Peak internamente sulla scheda madre, a scopo di semplificazione del design, ricollocando su di esso tutto il flusso dati che arriva dalle periferiche e specificatamente FireWire, USB 2.0, PCI Express, SATA. In futuro, con il crescere della velocità che dovrebbe arrivare con l’adozione di connessioni ottiche (inizialmente sembra che Light Peak userà il tradizionale cavo in rame) a 100 GB/s, si potrebbe attestare su di essa anche DisplayPort. Ci si potrebbe poi spingere a pensare ad un futuro con una (o più) porte standard che operano conseguentemente al dispositivo connesso, anche se si sta parlando di qualche cosa che non pare proprio dietro l’angolo.

Offerte Speciali

Amazon sconta il Magic Mouse 2 del 25%: solo 64 euro

Post Prime Day: Magic Mouse 2 ancora disponibile a solo 60,99 €

Su Amazon il Magic Mouse 2 è ancora disponibile in sconto. Lo pagate solo 60,99 euro fino a che le scorte resistono.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

iGuida

FAQ e Tutorial