fbpx
Home Macity Internet iOS, hacker russi aggirano l'acquisto in-app, ma si può rimediare

iOS, hacker russi aggirano l’acquisto in-app, ma si può rimediare

L’acquisto in-app è una delle maggiori fonti di guadagno per sviluppatori, ma potrebbe tramutarsi presto in una problematica: un sito russo ha infatti pubblicato una procedura per poter eludere i controlli legati all’in-app purchase, permettendo agli utenti di potere acquistare contenuti in-app gratuitamente.

L’hack, denominato, In-App Proxy, sarebbe molto semplice, non è nemmeno necessario effettuare il jailbreak o effettuare procedure particolarmente complesse: basterebbero pochi step per eseguire il “trucchetto” il che rende la problematica ancora più preoccupante perchè accessibile anche ad utenti meno esperti, quindi certamente più pericolosa per gli sviluppatori.

L’hack, oltre ad essere dannoso per gli sviluppatori non è sicuro neppure per gli utenti, visto chi si ècostretti a cedere ai server “hacker” dati come l’ID della app, il GUID della versione del dispositivo, l’identificatore dell’applicazione, la versione del programma. Il sistema non funzionerebbe con tutte le app, ma solo con quelle che non fanno uso del sistema per validare le ricevute degli acquisti in-app, che annullerebbe l’effetto di In-App Proxy.

Quindi se siete degli sviluppatori e avete applicazioni che sfruttano il sistema di in-app purchase, il consiglio è quello di verificare subito la vostra applicazione e, nel caso, di sfruttare gli strumenti messi a disposizione da Apple per aggiornare la app ed arginare il problema.

Fonte: i-ekb.ru

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 744 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,804FansMi piace
93,084FollowerSegui