Home Hi-Tech Finanza e Mercato Intel cambia, vende le memorie flash a SK Hynix

Intel cambia, vende le memorie flash a SK Hynix

Il mercato dei processori è cambiato profondamente negli ultimi anni e il marchio che ha dominato la scena quasi incontrastato per diversi decenni non può e non resta a guardare: è stata annunciata la vendita da parte di Intel di tutta la sua divisione che si occupa di memorie flash allo stato solido a SK Hynix.

Si tratta di una importante operazione per il settore delle memorie, una cessione valutata 9 miliardi di dollari che, da un lato, vede Intel abbandonare quasi completamente il settore, rafforzando dall’altro la posizione di SK Hynix come uno dei principali costruttori di memorie NAND Flash al mondo. L’abbandono di Intel infatti non è completo perché la multinazionale di Santa Clara mantiene al suo interno le attività legate agli SSD Optane. La famiglia di unità SSD è sviluppata congiuntamente da Intel e Micron, mentre quest’ultima si occupa interamente della produzione.

Il fornitore Apple SK Hynix mette in quarantena 800 dipendentiCon la cessione della divisione memorie flash di Intel a SK Hynix cambiano proprietà il business delle memorie NAND e anche quello dell’archiviazione, incluse le unità SSD che non rientrano nel marchio Optane, la produzione di chip NAND e dei wafer, oltre allo stabilimento di produzione di Dalian in Cina. Come sempre avviene per operazioni di questa scala, la cessione deve ottenere autorizzazione e via libera dalle autorità governative che regolano i mercati: sia Intel che SK Hynix prevedono che tutto sarà completato entro il 2021 avanzato.

Intel Optane«Per Intel, questa transazione consentirà di dare ulteriore priorità ai nostri investimenti in tecnologia differenziata» ha dichiarato il CEO di Intel Bob Swan riportato da Engadget. Si tratta di un’altra importante cessione da parte di Intel che lo scorso anno ha venduto ad Apple la sua divisione che si occupa di sviluppo, progettazione e produzione di chip modem per smartphone.

Questo naturalmente significa che dopo i processori proprietari per iPhone, iPad e tutti i dispositivi Apple e presto anche per computer Mac con Apple Silicon (la presentazione sembra avverrà il 17 novembre), il colosso di Cupertino si appresta a progettare internamente anche i suoi chip modem su misura e personalizzati per iPhone e non solo.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,957FansMi piace
93,811FollowerSegui