fbpx
Home Macity Business La Cina vieta le auto Tesla nella basi militari

La Cina vieta le auto Tesla nella basi militari

Secondo fonti di Reuters e Bloomberg l’esercito cinese ha bandito i veicoli Tesla dalle sue strutture militari per timore che le telecamere a bordo dei veicoli elettrici rappresentino un rischio per la sicurezza. Anche se le auto restano legittimamente acquistabili all’interno del paese, senza dunque conseguenze per gli autisti stessi, questi  dovranno parcheggiare fuori dalle sedi militari.

Il Wall Street Journal ha anche riferito che la Cina stava limitando l’uso delle auto Tesla da parte dei dipendenti, sia nell’esercito che nelle “aziende chiave di proprietà statale”. Secondo la fonte, il governo avrebbe esortato alcune agenzie a chiedere al personale di smettere di guidare le loro auto per andare al lavoro e di evitare di entrare nei complessi residenziali per le famiglie di persone che lavorano in campi sensibili.

La preoccupazione, come si potrebbe intuire, sono legate ad eventuali utilizzi spia, per via delle telecamere installate a bordo dei veicolo come Model Y; queste potrebbero permettere a eventuali intrusi di dettagliare le strutture e la loro attività. La funzione Dashcam registra fino a 10 minuti di video dalla parte anteriore e c’è un buffer di riprese in loop di un’ora. La modalità Sentinella, inoltre, registra gli incidenti intorno all’auto a partire da 10 minuti prima del loto verificarsi.

La Cina vieta le Tesla nella basi militari

I veicoli più recenti come la Y e la Model 3 hanno anche una fotocamera interna rivolta al conducente. Sebbene non vi sia una registrazione 24 ore su 24, ma è teoricamente possibile mappare una base o catturare i movimenti delle truppe.

Tesla ha finora rifiutato di commentare ufficialmente la notizia, ma ha riferito al WSJ che le sue politiche sulla privacy sono conformi alle leggi e ai regolamenti cinesi. Tuttavia, il capo dell’azienda Elon Musk ha negato le accuse in un forum virtuale. Tesla si “chiuderebbe” se usasse le auto per spiare in Cina o in qualsiasi altro paese, ha detto Musk, aggiungendo che ci sono motivi di mantenere la riservatezza dei dati.

Indipendentemente dal fatto che le rivendicazioni siano meritevoli, possono svolgere un ruolo politico. La Cina è ancora ferita dal ban imposto dagli Stati Uniti a Huawei e altre società, etichettandole come minacce alla sicurezza. Le restrizioni sulle auto Tesla potrebbero essere una forma di ritorsione, in particolare con i funzionari cinesi e americani impegnati in discussioni particolarmente accese.

Offerte Speciali

Amazon fa il miracolo: AirPods Pro pronta spedizione e in sconto

Airpods Pro prezzo top: solo 194 €

Su Amazon gli Airpods Pro tornano ad un ottimo prezzo: solo 194 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,803FansMi piace
93,099FollowerSegui