Surface Book smontato: bocciato nel giudizio di riparabilità

Poche sorprese dallo smontaggio del Surface Book. Bassa riparabilità per l'uso di colle e per la necessità di smontare completamente il prodotto per sostiture anche elementi semplici.

RAM e processori saldati, colla ovunque. Risultato: impossibile, o quasi, da riparare. Non stiamo parlando di MacBook Retina 12 o di un iMac 4K, ma del Surface Book, il nuovo dispositivo Microsoft, passato, come molti altri prodotti, nelle mani di iFixIt che alla fine del processo di “dissezione”, l’ha giudicato, appunto, quasi impossibile da aggiustare proprio come molti prodotti Apple di ultima generazione.

Lo staff di iFixit, che pubblica una guida con le foto e la procedura per lo smontaggio pezzo per pezzo mette in evidenza diversi aspetti peculiari, a cominciare dalla dorso dello schermo (che è anche la parte principale del dispositivo) che è incollato. Una volta entrati cin grade difficoltà nel cuore della macchina si nota anche qui un enorme uso di colla che blocca, ad esempio, la batteria e altre componenti. Il disco SSD da 128GB (Samsung PM951) e la batteria (18.0 Wh, 7.5 V, 2387 mAh) però possono essere sostituite.

Un aspetto interessante è che la scheda madre e diverse altre componenti sono montati a faccia in giù sulle rispettive schede madri.  Questo significa che è necessario smontare totalmente le schede madri per sostituire queste componenti che sono cllocate su cavi a nastro o socket. E a proposito di socket, anche il processore è incollato.

Il componente più facile da rimuovere è stata la schedina con la fotocamera. Rimuovendo nastro e colla è stato poi possibile rimuovere la scheda con speaker, ventola, sistema di raffreddamento, l’unità . Tra i componenti individuati il flash controller Samsung S4LN058A01, la NAND Samsung K9CHGY8S5C , la DRAM Samsung K4E4E324EE 4 Gb (512 MB), il chip WiFi/Bluetooth Marvell Avastar W8897, il Freescale Kinetis KL17 MKL17Z256VFM4 48 MHz ARM Cortex-M0+, il codec audio Realtek ALC3269. Gli speaker hanno una particolare forma (“Nevada” per via della forma che ricorda lo stato USA).

Il case inferiore rivela un controller Realtek RTS5314 (SD Card Reader), Genesys Logic GL3520 (per l’hub USB 3.1), Winbond 25X40CLIG (Serial Flash Memory). La ventola è attaccata alla GPU GeForce (dovrebbe essere una GeForce 940M). Il trackpad è di Synaptics, tenuto fermo da numerose viti.

Componenti a parte, alla fine arriva il giudizio finale per la riparabilità punteggio di riparabilità è di 1 su 10, dieci è il massimo, 1 è il minimo, per la complessità di portare a termine la procedura. Lo stesso punteggio avevano ricevuto sia il MacBook 12 Retina che l’ultimo iMac. Ricordiamo che invece il nuovo iPhone 6s era stato giudicato piuttosto riparabile con un 7 su 10

SmontatoSurfacebook