fbpx
Home Macity Mac con Intel MacBook Pro, quest’anno non ci sarà un aggiornamento sostanziale

MacBook Pro, quest’anno non ci sarà un aggiornamento sostanziale

Apple non avrebbe in programma un aggiornamento sostanziale dei MacBook Pro per il 2018 e si starebbe preparando per trasferire ordinativi e produzione a Foxconn. La doppia anticipazione è riportata da DigiTimes, solitamente non molto attendibile per le novità di prodotto in arrivo da Cupertino, invece più affidabile per quanto riguarda le indiscrezioni relative all’universo dei costruttori e assemblatori in Cina e Taiwan.

Che per quest’anno non sia atteso un aggiornamento sostanziale dei MacBook Pro è in realtà una previsione quasi scontata: Apple ha introdotto i MacBook Pro con il design attuale a fine 2016, quindi form factor e chassis sono destinati con ogni probabilità a rimanere tali ancora per qualche tempo. Ma naturalmente escludere un major upgrade non significa che Apple non introdurrà novità nella gamma portatili, per esempio con un aggiornamento a livello hardware che lasci però invariato chassis ed aspetto esteriore delle macchine.
macbook pro aggiornamento - macbook pro 13 touch bar icon 740In questo senso i principali candidati sono il processore, Apple non ha ancora adottato le CPU intel di ottava generazione come invece già fatto da tutti i principali costruttori del mondo PC Windows, oltre a possibili upgrade per RAM, SSD e magari anche con una revisione della tastiera ultra sottile che è stata accolta non senza critiche dagli utenti, sia nella prima versione del 2016 che nella seconda generazione del 2017, per la facilità con cui alcuni tasti tendono a incastrarsi e non rispondere più come dovuto.

Fin qui quindi nulla di particolarmente segreto o difficile da prevedere. Nello stesso report però DigiTimes anticipa che Apple avrebbe intenzione di trasferire da Quanta a Foxconn una quantità superiore di ordinativi e produzione di portatili. Per anni Quanta è stato il principale costruttore con una quota di produzione di portatili Apple stimata nell’ordine dell’80 per cento circa, mentre il restante è assegnato a Foxconn. A partire dalla seconda metà di quest’anno però le percentuali di assegnazione potrebbero cambiare sensibilmente. Sembra infatti che Apple abbia intenzione di ridurre del 30% circa la quota di Quanta per assegnarla a Foxconn, con l’obiettivo di ridurre i costi e anche i rischi legati alle forniture. Se il trasferimento sarà effettivamente realizzato Apple potrà contare su una suddivisione degli ordinativi e della produzione di MacBook tra Quanta e Foxconn con percentuali all’incirca identiche del 50%. Trasferimento che, sempre stando alle indiscrezioni, risulterebbe facilitato appunto dall’assenza di aggiornamenti sostanziali per il 2018.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,969FansMi piace
93,790FollowerSegui