Mozilla ha un nuovo logo per Firefox

Svecchiare un po’ tutti i loghi del brand Firefox. Mozilla dice che con "Firefox" d'ora in poi non intende solo il browser ma una intera categoria di app e servizi.

Mozilla ha un nuovo logo per Firefox

Mozilla ha ideato un nuovo logo per la famiglia di prodotti Firefox, un rebranding al quale aveva iniziato a lavorare quasi due anni addietro. Per molte persone Firefox è sinonimo di browser ma Mozilla vuole includere in questo band una serie di app e servizi.

«Il “Firefox” che avete sempre conosciuto come browser si estende per coprire una famiglia di prodotti e servizi accomunati dal mettere voi e la privacy al primo posto», spiega Mozilla. «Firefox è un browser e un servizio cifrato per inviare file di grandi dimensioni. È un modo facile per proteggere le vostre password su ogni dispositivo e ottenere avvertimenti preventivi se la vostra mail è stata oggetto di qualche furto di dati». «Sicurezza, riservatezza e occhi aperti. È solo l’inizio di una nuova famiglia di prodotti Firefox».

Mozilla ha annunciato il rebranding totale di Firefox a luglio dello scorso anno, chiedendo agli utenti opinioni sull’aspetto di varie icone che dovrebbero richiamare prodotti e servizi vari.

L’icona nella prima riga che vedete nella schermata che alleghiamo in questa pagina rappresenta il cosiddetto “masterbrand”, un “ombrello” sotto il quale dovrebbero ricadere varie linee di prodotti. Mozilla spera che le persone pensino a questo quando sentono la parola Firefox.

Mozilla ha un nuovo logo per Firefox

Le linee successive, sono, in ordine: icone generiche dei browser (incluse le versioni Developer Edition e le Nightly build), icone che fanno riferimento a particolari versioni browser come Firefox Focus (browser per iOS e Android) e Firefox Reality (browser pensato per la Realtà Virtuale e Aumentata), infine nelle ultime due righe cinque icone per le nuove applicazioni e servizi.

Mozilla ha recentemente parlato anche dell’arrivo di servizi “premium” (a pagamento) come VPN e spazio cloud. Il CEO, Chris Beard, in una intervista, ha recentemente spiegato di voler offrire servizi a pagamento a partire dal prossimo ottobre.