fbpx
Home Recensioni Recensione saturimetro Mpow: misura l'ossigeno nel sangue

Recensione saturimetro Mpow: misura l’ossigeno nel sangue

Il saturimetro è uno strumento utilizzato principalmente da personale sanitario (medici ed infermieri) e da personale non sanitario addetto al soccorso, ma grazie a Mpow ora è alla portata di tutti diventando un valido alleato anche in ambito domestico. Lo abbiamo provato per qualche giorno confrontandolo anche con strumenti professionali per verificarne l’esattezza delle misurazioni ed è promosso a pieni voti: costa pochissimo ed entra perfino in tasca, permettendo così di portarlo con sè anche durante gli allenamenti all’aria aperta.

mpow saturimetro

Saturimetro, cosa fa e perché è importante

Il saturimetro è uno strumento medico che sostanzialmente permette di misurare la quantità di emoglobina legata nel sangue in maniera non invasiva. E’ bene precisare fin da subito che qualsiasi saturimetro non permette di stabilire con quale gas è legata l’emoglobina, ma solo la percentuale di emoglobina legata: normalmente l’emoglobina lega l’ossigeno, quindi in sostanza permette di ottenere una stima della quantità di ossigeno presente nel sangue.

Generalmente si usa nei reparti ospedalieri e sui mezzi di soccorso in quanto è un dispositivo non invasivo (cioè non è necessario eseguire manovre o analisi che penetrino nei tessuti del paziente) ed è precoce nel riconoscere l’ipossia rispetto alle condizioni di cianosi, permettendo una diagnosi di desaturazione dell’ossigeno prima di gravi complicanze. L’ipossiemia poi, è tipica di varie malattie: ostruzioni delle vie aeree, anemia, sindrome da distress respiratorio acuto, BPCO, enfisema, malattia polmonare interstiziale, polmonite, pneumotorace, edema polmonare, embolia polmonare, fibrosi polmonare e sindrome delle apnee ostruttive durante il sonno. Anche l’altitudine e l’anemia si associano a quadri di ipossia; per esempio tra i 5000 e i 5500 metri di altitudine, la saturazione di ossigeno scende intorno all’85%.

Saturimetro Mpow, com’è fatto

Nella confezione di vendita troviamo il saturimetro, un laccio per appenderlo al collo, una custodia per il trasporto, due batterie ministilo AAA per l’alimentazione ed il manuale delle istruzioni. Come altri del genere, è formato da una sonda che effettua la misurazione e da un’unità che calcola e visualizza il risultato della misurazione. Nel caso specifico, si tratta di una “pinza” che viene applicata al dito dove da un lato, grazie ad uno schermo, viene visualizzata la misurazione.

Il dispositivo è piccolo (6 x 3,5 x 3,2 centimetri) e, compreso laccio e batterie, pesa 60 grammi. E’ completamente in plastica di ottima qualità, apparentemente solida e durevole nel tempo. Lo strato interno invece è in gomma, perfetta per evitare movimenti indesiderati del dito durante la misurazione. C’è un solo pulsante che permette di accendere il saturimetro e personalizzare le informazioni mostrate sul display: durante l’utilizzo è infatti possibile schiacciare il pulsante per ruotare i valori riportati sullo schermo, così da ottenere il giusto orientamento da qualsiasi lato si cerca di leggere il display.

E’ sufficiente aprire la pinza con una mano ed infilare preferibilmente il dito indice o medio dell’altra mano con il polpastrello rivolto verso l’alto, dal lato dove si trova lo schermo per intenderci (l’unghia quindi sarà rivolta dal lato opposto). Una volta acceso, è necessario attendere pochi secondi per cominciare a visualizzare la saturazione (emoglobina legata) e la frequenza cardiaca.

Senza approfondire troppo il funzionamento tecnico e scientifico del dispositivo, in sostanza la pinza è composta da due diodi che generano fasci di luce nel campo del rosso e dell’infrarosso (lato unghia) e da una fotocellula che riceve la luce dopo che i fasci hanno attraversato la cute e la circolazione del paziente (lato polpastrello). L’emoglobina ossigenata, caratteristicamente, assorbe la luce in quelle determinate lunghezze d’onda: conoscendo la quantità di luce iniziale e quella finale, l’apparecchiatura è così in grado di calcolare la saturazione dell’ossigeno nel paziente (indicata con l’abbreviazione SpO2).

A misurazione effettuata, è sufficiente togliere il dito: immediatamente verrà interrotta e dopo pochi secondi il saturimetro si spegnerà automaticamente.

Test sul campo

Abbiamo fatto qualche prova confrontando i valori con più di uno strumento medico professionale, constatando che i valori rilevati erano praticamente gli stessi. Si è così dimostrato uno strumento a cui fare completo affidamento, a patto che si rispettino alcune condizioni d’uso. Così come qualsiasi altro saturimetro infatti, per evitare errori nella lettura, oltre ad inserire correttamente il dito nella pinza, è importante evitare lo smalto per le unghie che potrebbe falsare i risultati in quanto scherma le lunghezze d’onda generate dalla sonda ed è necessario mantenere il braccio ben fermo durante la misurazione. Infine, non va usato sullo stesso braccio dove si sta eventualmente effettuando la misurazione della pressione.

Per quanto riguarda le misurazioni, con valori superiori al 96% si può stare tranquilli: questi sono considerati valori normali di O2. Tra il 95 e il 93% sono indicativi di possibili problemi di ossigenazione, ovvero una parziale assenza dell’ossigeno (lieve ipossia); tra il 92 e il 90% sono indicativi di ossigenazione insufficiente ed è consigliabile sottoporsi ad emogasanalisi (EGA), mentre al di sotto del 90% non sono fisiologici ed indicano una severa deficienza di ossigeno (grave ipossia), ove risulta importante sottoporsi ad una emogasanalisi.

E’ bene infine tenere a mente che il valore di 100 misurato “in aria ambiente”, ovvero senza somministrazione artificiale di ossigeno, può essere sintomo di iperventilazione, che può essere dovuta, per esempio, ad attacchi di panico. A volte anche valori intorno al 90% possono risultare normali: è il caso di persone affette da broncopneumopatie croniche ostruttive (BPCO).

Conclusioni

Il dispositivo non è pensato per un monitoraggio su base continua, non va quindi a sostituire quello che ad esempio troviamo in sala operatoria: è piuttosto pensato per un uso domestico e su utenti di età maggiore di 16 anni ed è indicato per fornire informazioni aggiuntive al proprio medico.

Prezzo al pubblico

Il pulsiossimetro di Mpow è in vendita su Amazon per soli 23,99 euro.

Design
Facilità d'uso
Prestazioni
Qualità/Prezzo

Offerte Speciali

Sconto boom da 126 euro su Apple Watch 3 GPS+Cellular: lo pagate solo 242,90€

Super-sconto di 126 euro su Apple Watch 3 GPS+Cellular: lo pagate solo 242,90€

Su Amazon Apple watch 3 da 38mm in versione con rete cellulare è al prezzo più basso di sempre: solo 242,90 euro, il 28% in meno del prezzo attuale e uno sconto di 126 euro.
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,361FansMi piace
95,035FollowerSegui