Netflix «Apple includerà le serie TV in Apple Music o in iOS»

Netflix è la TV in streaming del momento e da battere: nel bilancio fatturato e abbonati continuano ad aumentare, ma in una nota Netflix prevede che presto Apple diventerà un concorrente. Cupertino potrebbe includere le serie TV in Apple Music oppure in iOS

Netflix prevede che Apple diventerà un suo concorrente e che Cupertino includerà le serie TV in Apple Music oppure in iOS. Il successo della TV in streaming via Internet non conosce rallentamenti: nell’ultimo bilancio Netflix riporta un fatturato in crescita di 3,29 miliardi di dollari e un aumento anche degli abbonati, aumentati di 8,33 milioni nell’ultimo trimestre del 2017.

Nelle note di bilancio Netflix attribuisce il successo anche all’elevato gradimento delle produzioni originali, tra cui vengono citate le serie 13 Reasons Why e Stranger Things. I risultati raggiunti superano le aspettative degli analisti, ragione per cui nelle ore successive all’annuncio le azioni Netflix hanno subito un rialzo dell’8%, come segnala 9to5Mac. Per le società quotate in borsa in USA è obbligatorio segnalare a bilancio non solo le aspettative per il trimestre successivo, ma anche le previsioni per gli scenari nel medio periodo, inclusi i potenziali concorrenti. E qui Netflix indica due società: Amazon e Apple.

netflix apple
Nel primo caso si tratta di un concorrente effettivo: da tempo Amazon Prime Video è disponibile in USA, mentre in Italia e altre nazioni è arrivato solo più di recente. In ogni caso i dirigenti Netflix prevedono che la concorrenza di Amazon in campo video aumenterà, sostenuta dai grandi budget a disposizione del colosso del retail online per produrre serie TV e contenuti originali di primo piano.

Ma soprattutto dalla sua posizione dominante in questo settore, Netflix prevede che Apple diventerà un suo concorrente. Nelle note nei risultati trimestrali si fa riferimento alla crescente programmazione di Apple in campo serie TV e contenuti originali. I dirigenti prevedono che Cupertino includerà la propria offerta video in Apple Music oppure in iOS. Non passa praticamente giorno senza che emergano nuovi dettagli e anticipazioni sulle manovre di Apple nel campo TV, per l’assunzione di dirigenti di primi piano, per l’interesse in progetti e sceneggiature originali, per presunti contratti già siglati.

Sembra però poco probabile che Cupertino decida di rendere questi contenuti in arrivo disponibili a tutti gli utenti di iOS in modo gratuito e indistinto. Allora la nota nel bilancio di Netflix su Apple sembra indicare un pericolo più diretto e immediato, vale a dire che Cupertino può contare immediatamente su una base utenti sterminata, composta da tutte le persone che usano Mac, iPhone e iPad. Secondo alcuni analisti invece Cupertino non includerà serie TV e contenuti originali solo in Apple Music, ma potrebbe avere piani molto più ambiziosi, per esempio con una nuovo servizio di TV instreaming su misura di Apple TV e per tutti i computer e dispositivi della Mela, oppure addirittura multipiattaforma, come già fatto con iTunes.