In prova Grohe Sense, il salvagente domestico

Grohe Sense, controllo smart per le perdite d’acqua: piccolo, discreto e silenzioso, ma non dategli da bere altrimenti…

Grohe Sense è un piccolo controllo smart che previene le perdite d’acqua in casa: o meglio, pur non potendole prevedere ne arginare, vi avverte in caso di perdita tramite un segnale acustico, e avvisi sullo smartphone, permettendovi così o di intervenire o di arginare il problema.

In realtà Grohe Sense è solo una piccola parte di un sistema molto più attento e potente che Grohe ha messo in vendita da qualche mese, di cui ne abbiamo parlato qui, che si compone di Grohe Sense Guard, un controller da inserire nei tubi che blocca, da solo in automatico, l’erogazione dell’acqua in caso di funzionamento anomalo, e di diversi Grohe Sense che, piazzati in angoli diversi della casa (bagno, lavanderia e cucina soprattutto) collaborano con Grohe Sense Guard per una radiografia completa.

Oggi ci occupiamo però di Grohe Sense, che può essere usato anche da solo per il monitoraggio: noi l’abbiamo tenuto qualche settimana accanto alla lavatrice, vediamo com’è andata.

prova Grohe Sense

Grohe Sense, non solo acqua

Fuori dalla scatola il piccolo sensore di Grohe appare piccolo, discreto e funzionale, in pratica un piccolo cilindro di plastica bianca con il marchio nella parte superiore.

Per l’attivazione e il primo sync con l’App per iOS e Android serve un po’ di manualità: bisogna aprire il device, inserire le pile (incluse) e seguire le istruzioni dell’App per il pairing Wi-Fi, dopodiché ve ne potete scordare per qualche anno.

Finita l’installazione, è necessario depositare Grohe Sense in un punto dove la fuoriuscita di acqua sia probabile (vicino alla lavatrice, sotto al lavandino, sotto al lavello, vicino alla doccia) e attendere le prime 48 ore perché il sistema esegua la prima rilevazione.

Si perché Grohe non fa solo da guardia per gli allagamenti, ma controlla 24/24 anche la qualità dell’aria, perlomeno nei termini della temperatura della stanza dove è posizionato e l’umidità atmosferica relativa.

Questi dati sono importanti sia se viviamo all’interno della casa controllata, per capire se è necessario intervenire (all’interno dell’App ci sono dei limiti superiori e inferiori che non è bene passare), sia anche per monitorare quanto succede alla casa al mare o in montagna, che restano chiuse per mesi, le cui strutture sono soggette a maggior degrato (e a più frequenti rotture) in caso di situazioni climatiche fuori dai limiti.

La potenza dell’App

Inutile dire che la maggior parte dell’interazione è effettuata dall’App: tramite questa è possibile monitorare le medie settimanali, mensili e trimestrali di temperatura e umidità, con parametri preimpostati ma che possiamo moderare a piacere agendo su di un grafico.

L’App, molto semplice ma ben equilibrata, è pensata per l’utente comune che può installare e monitorare i vari Grohe Sense in completa autonomia: è possibile anche classificare più sensori per case e stanze, e ovviamente tramite il pairing Wi-Fi anche farli comunicare tutti contemporaneamente con lo smartphone anche quando siamo fuori.

In caso di allagamento, Grohe Sense si accende di un colore rosso sbarluccicante e attiva una suoneria per circa un minuto, oltre ovviamente a fornire un allarme anche a tutti i device collegati come smartphone o tablet.

L’App mantiene anche uno storico di tutti gli allarmi per una consultazione postuma.

Grohe Sense

Considerazioni

Un semplice allagamento del bagno, della cucina o della lavanderia può provocare un danno di diverse centinaia di Euro, considerando solo l’intervento dell’idraulico e la fuoriuscita d’acqua, un prezzo destinato a salire vertiginosamente se non arginato, con mobili e oggetti elettrici che possono anche provocare piccoli incendi oltre che rompersi definitivamente.

Di fronte a questo, la spesa di 59,99 Euro per un sensore appare molto contenuta, considerando che una carica dura circa quattro anni e che assieme a questo abbiamo una radiografica dell’aria della casa (o della stanza in cui abbiamo messo il sensore) sulla quale possiamo riflettere e al limite intervenire.

Grohe Sense è disponibile partendo dal sito web di Grohe (assieme a tutti gli altri prodotti del famoso marchio tedesco) ma è reperibile anche presso gli installatori certificati oppure online al prezzo di 59,99 Euro, a cui si può aggiungere un sensore esterno più piccolo (da posizionare in angoli angusti, come ad esempio sotto la Lavatrice) a 29,99 Euro.

 

Design:
4.0 Stars (4,0 / 5)
Facilità-d’uso:
4.0 Stars (4,0 / 5)
Prestazioni:
4.0 Stars (4,0 / 5)
Qualità/Prezzo:
4.5 Stars (4,5 / 5)
Media:
4.1 Stars (4,1 / 5)

 

Pro:

  • Elegante discreto
  • Monitora anche temperatura e umidità
  • Prezzo interessante

 

Contro:

  • Serve solo a monitorare, non impedisce la fuoriuscita dell’acqua

 

Prezzo: 59.99 Euro