fbpx
Home Hi-Tech Audio / Video / TV / Streaming Recensione cuffie Bowers & Wilkins P3, design e qualità del suono

Recensione cuffie Bowers & Wilkins P3, design e qualità del suono

Bowers & Wilkins è storicamente nota per i suoi altoparlanti di alto livello, ma quando si è avventurata in un nuovo segmento dell’audio non ha mai sbagliato un colpo. È accaduto così anche per le cuffie con le P7 che hanno stabilito un parametro di riferimento per tutti gli audiofili. Con il lancio delle P3 l’azienda britannica ha puntato dritta verso il mondo della mobilità, con un prodotto molto portatile che però non vuole rinunciare alla qualità dell’audio. Nonostante si tratta di un accessorio non molto recente, le abbiamo messe alla prova per verificare la loro qualità, anche alla luce di alcuni recenti cali di prezzo che le ha portate sotto i 200 euro su molti negozi, come Amazon.

Il design
Le P3 non sfuggono alla legge più ferrea di Bowers & Wilkins: mai creare prodotti con un design banale e mai rinunciare alla qualità dei materiali. Queste cuffie, molto piccole e pieghevoli, sono realizzate in plastica gommata di alto livello, alluminio e acciaio. La prima impressione che si ricava maneggiandole è quella di un design industriale raffinatissimo. Le barre che collegano l’archetto ai padiglioni auricolari, sono lavorate in maniera originale, piegano per agganciarsi sul retro della struttura e non a lato come farebbero se scendessero linearmente dall’archetto. Lo snodo per chiudere gli auricolari all’interno è preciso, quasi un lavoro di orologeria, e risponde con un clack quando arriva a fine corsa. La regolazione della lunghezza del supporto dei padiglioni è molto progressiva e fluida. I padiglioni stessi sono caratterizzati da un ovale in alluminio satinato con il marchio “Bowers & Wilkins” inciso. Dal punto di vista dei materiali, avanzeremmo qualche piccola critica solo per le dimensioni e la tipologia del rivestimento del cavo: è un po’ troppo sottile e coperto di una plastica gommosa e di qualità non sublime. Anche il jack e il telecomando a filo sembrano realizzati in economia.

Bowers & Wilkins P3

Se i materiali, cavo a parte, sono al top, il comfort è buono, ma senza picchi assoluti. Ci sono cuffie più comode delle P3. Una parte dei limiti derivano dalla struttura “sopra l’orecchio”. Per quanti sforzi si possano fare, questo tipo di cuffie hanno tutte dei limiti rispetto a quelle “intorno all’orecchio”. I padiglioni delle P3, spinte da un archetto che ha un effetto molla molto accentuato, però premono mediamente più di altri che abbiamo provato. Nonostante il rivestimento in tessuto sia, come gli altri materiali, di alto livello, inevitabilmente dopo alcune ore si ha la necessità di sollevare gli auricolari per alleviare la pressione.

Interessante ed originale, anche se non siamo in grado di dire quanto utile, la scelta compiuta per adattare maggiormente le P3 ad un computer o un PC. Il cavo integrato può essere facilmente sostituito, staccando la copertura degli auricolari, tenuta in posizione da dei magneti. Così facendo si accede a dei connettori che mettono in comunicazione di driver con il cavo ad “Y” di cui nella confezione troviamo un altro modello, privo di controllo per le tracce.

Offerte Speciali

Il nuovo MacBook Air già in sconto di 120 euro su Amazon

Offerta MacBook Air: Amazon lo sconta di 100 euro

Su Amazon comprare il nuovo MacBook Air in sconto. Modello da 256 Gb a solo 1127,99 euro, circa 100 euro meno del prezzo ufficiale Apple.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,359FansMi piace
94,738FollowerSegui