Recensione radiosveglia Holife con proiettore e presa USB per ricaricare lo smartphone

Macitynet prova la radiosveglia di Holife, l’ideale per la sveglia del mattino: proietta l’ora su soffitto e pareti e grazie all’uscita USB ricarica anche lo smartphone

Di recente abbiamo provato la radiosveglia di Holife, una valida alternativa alla sveglia dello smartphone principalmente per via dei controlli analogici e del proiettore incorporato. Modelli del genere esistono da anni ma questo ha un occhio di riguardo anche per il nostro pubblico: una presa USB infatti permette di ricaricare uno smartphone durante la notte, eliminando così il caricatore del telefono in favore di un’unica soluzione sul comodino.

Radiosveglia Holife

Com’è fatta

E’ realizzata in policarbonato molto leggero ma robusto: completamente nera, la facciata frontale è lucida mentre i piedini sono accompagnati da una copertura in gomma che si è rivelata essere una calamita per sporco e polvere. Sul lato posteriore c’è l’altoparlante per radio e sveglia, affiancato da un coperchio che accoglie una batteria a bottone CR2032 necessaria per mantenere le impostazioni in assenza (anche temporanea) di corrente e all’ingresso microUSB per l’alimentazione (può quindi funzionare anche con un powerbank). Sporge anche il cavo dell’antenna, utile per garantire un’ottima ricezione della radio FM incorporata.

Sul lato superiore ci sono invece i pulsanti per il controllo delle impostazioni: nello specifico, da sinistra verso destra troviamo i tasti “Giù” e “Su”, quest’ultimo utilizzato anche per accendere il proiettore; segue poi il tasto “Set”, il pulsante “Snooze” e poi ancora i tasti “Sleep/Radio”, “Volume” e “Allarme”.

Il display è molto ampio e l’ora mostrata copre gran parte della superficie a disposizione. Nel nostro caso è di colore blu, ma è in vendita anche lo stesso modello con il display nella variante di colore rosso. Completa il cerchio delle funzioni l’uscita USB posizionata sul bordo destro della radiosveglia.

Come funziona

Per prima cosa è necessario sfilare via la linguetta che mantiene disattivata la batteria a bottone: in questo modo le impostazioni, inclusa l’ora e le sveglie, saranno mantenute anche se si scollega l’alimentazione o se viene a mancare momentaneamente la corrente.

Per regolare l’ora è sufficiente tenere premuto il tasto SET e usare le frecce per impostare ore e minuti. Per la radio è necessario premere il relativo pulsante e cercare la stazione desiderata tramite le frecce direzionali. E’ possibile memorizzare fino a 10 stazioni radio preferite e si può anche utilizzare una di queste come stazione per la sveglia.

Si possono impostare fino a due allarmi (A1 e A2), utile nel caso in cui si utilizzi il dispositivo per svegliare due persone diverse in momenti diversi. Per spegnere la sveglia (impostando BU si verrà svegliati con un segnale acustico che si ripete per un minuto), selezionando RD verrà invece avviata la radio) è sufficiente premere il tasto Snooze che, in base alla configurazione precedente, può anche rimandare la sveglia di 5-10-20-30-40-50-60 minuti.

Regolare le impostazioni risulta davvero intuitivo, nel caso in cui la radiosveglia sia destinata ad una persona anziana o un utente poco pratico c’è comunque il manuale utente che spiega le varie configurazioni in tre pagine disponibili anche in lingua italiana.

Radiosveglia Holife

Come va

Della radiosveglia ci sono piaciute diverse cose. Innanzitutto, potersi svegliare con una stazione radio anziché la solita suoneria o il classico BIP ci ha permesso di ascoltare le notizie principali restando nel letto per qualche minuto prima di mettere i piedi fuori dal letto. Soprattutto per gli utenti iPhone si tratta di un’interessante opportunità visto che sul telefono manca la possibilità di ascoltare la radio (a meno che non si opta per una di quelle app che però necessitano della connessione ad Internet per funzionare) e non sarà necessario aprire subito gli occhi per guardare lo schermo e cercare l’app desiderata.

In quest’ottica ci è piaciuto anche poter regolare la luminosità del display e del proiettore: ci sono quattro diversi livelli di luminosità per l’ora mostrata sullo schermo ed è possibile anche spegnerlo completamente per restare al buio più completo, magari proiettando l’ora soltanto sul soffitto. Per quest’ultima ci sono due diversi livelli di intensità luminosa, il più alto risulta ottimamente leggibile soprattutto al buio e risulta debolmente visibile anche in pieno giorno. In passato abbiamo avuto radiosveglie simili che però erano deboli proprio nel proiettore, incapace di assicurare un’ottima visibilità dell’ora proiettata sul soffitto o su una parete.

Radiosveglia Holife

Conclusioni

Lo smartphone ha ormai sostituito la sveglia per tantissimi utenti, tuttavia questa radiosveglia può paradossalmente risultare un passo avanti per tutti quelli che vogliono svegliarsi in modo diverso grazie alla radio FM. La presa USB tiene d’occhio la tecnologia permettendo di ricaricare anche uno smartphone (eroga infatti fino a 1.2A) e il classico pulsante per spegnere la sveglia può effettivamente risultare migliore dell’interazione con il touchscreen soprattutto perché può essere trovato facilmente anche a tastoni nel buio e non obbliga ad aprire subito gli occhi per spegnere rapidamente la sveglia.

Il vantaggio rispetto ad altri dispositivi simili risiede anche nella batteria a bottone incorporata: permette infatti di mantenere in memoria orario e sveglie anche se viene a mancare la corrente o se si scollega momentaneamente l’alimentatore.

Prezzo al pubblico

La radiosveglia di Holife è in vendita su Amazon per 29,98 euro. In questi giorni potete comprarla in sconto a 25,98 euro inserendo il codice DD7IASRW nel carrello.