Ricordando Karen Sparck Jones: “L’informatica è una cosa troppo importante per lasciarla agli uomini”

La storia di Karen Sparck Jones, ricercatrice britannica che ha inventato il funzionamento di tutti i motori di ricerca, scomparsa dieci anni fa, e che sosteneva in anticipo sui tempi l’idea che i programmatori non possano non applicare una etica al codice che scrivono

“L’informatica è una cosa troppo importante per lasciarla ai solo uomini”

Ha combinato la statistica con la linguistica: la sua intuizione è stata quella di permettere alle persone di cercare le informazioni usando le parole anziché il codice. Il risultato è stato l’alba dei motori di ricerca.

Karen Sparck Jones è la scienziata informatica che ha gettato le basi dei motori di ricerca come Google, aprendo un mercato che non solo vale miliardi di dollari. Ma soprattutto che ha permesso, una volta arrivata a maturità Internet, di organizzare rendendo cercabile e quindi trovabili le informazioni digitali.

Karen Sparck Jones era una programmatrice autodidatta che si è concentra sull’elaborazione del linguaggio naturale e una forte sostenitrice delle donne in questo (e altri) settori, Sparck Jones ha anche anticipato da decenni l’attuale problema della Silicon Valley, un avvertimento sui rischi della tecnologia guidata da informatici che non erano in sintonia con le implicazioni sociali della ricerca.

«Molte delle cose su cui stava lavorando fino a cinque o dieci anni fa, ha detto al New York Times John Tait, un amico di vecchia della donna che lavora alla British Computer Society – sembravano pazze, delle sciocchezze, e ora invece le diamo per scontate».

L’articolo chiave è quello del 1972, pubblicato a nome di Sparck Jones sul Journal of Documentation. È il lavoro che ha gettato le basi per l’idea stessa dei moderni motori di ricerca. Nel suo lavoro Sparck Jones ha combinato la statistica con la linguistica – un approccio insolito all’epoca – per stabilire formule che contenevano i principi sulla base dei quali i computer potevano interpretare le relazioni tra le parole.

“L’informatica è una cosa troppo importante per lasciarla ai solo uomini”

Nel 2007 Sparck Jones dichiarò: “Praticamente tutti i motori Web utilizzano questi principi”.

Infatti, come disse in una intervista alla British Computer Society, «tutto ciò che fa ponderazione dei termini indicizzati utilizzando qualsiasi tipo di informazione statistica, una funzione di ponderazione che ho pubblicato nel 1972».

Karen Ida Boalth Sparck Jones è nata il 26 agosto 1935 a Huddersfield, in Inghilterra, una città della filiera manifatturiera tessile. I suoi genitori erano Alfred Owen Jones, un docente di chimica, e Ida Sparck, che lavorava per il governo norvegese mentre era in esilio a Londra durante la seconda guerra mondiale.

Quando studiava storia e filosofia (il dipartimento all’epoca veniva chiamato “scienze morali”) a Cambridge, incontrò il capo dell’Unità di ricerca linguistica di Cambridge, Margaret Masterman, che l’avrebbe ispirata ad entrare nel settore. Sparck Jones in seguito la descrisse come “una donna molto strana e interessante” che, inusuale per il tempo, usava il suo nome da nubile professionalmente.

“L’informatica è una cosa troppo importante per lasciarla ai solo uomini”

Evidentemente però c’era una affinità profonda. Infatti anche Sparck Jones mantenne il suo nome da ragazza quando nel 1958 sposò Roger Needham, un altro scienziato informatico, dicendo: “Serve a mantenere una tua propria forma di esistenza permanente, un senso di identità”.

Sparck Jones iniziò a lavorare per Margaret Masterman. Voleva capire come si poteva programmare un computer per capire le parole che potrebbero avere molti significati tra loro diversi (ad esempio il termine “campo”) e impostare la programmazione di un thesaurus di grandi dimensioni.

«Tutte le parole in un linguaggio naturale sono ambigue, hanno più significati a seconda del contesto. Come fai a sapere che senso hanno in qualche particolare uso?”, dichiarò una volta al centro di storia della IEEE.

Nel 1964, Sparck Jones pubblicò “Synonymy and Semantic Classification”, che ora è visto come un documento fondamentale nel campo dell’elaborazione del linguaggio naturale. Nel 1972 introdusse il concetto di frequenza inversa del documento, che conta il numero di volte in cui un termine è usato in un documento per determinare l’importanza del termine; anche questo è un fondamento dei moderni motori di ricerca.

A partire dagli anni 80 Sparck Jones ha iniziato a lavorare sui primi sistemi di riconoscimento vocale. Quasi tutte le mattine e i pomeriggi, lei e suo marito, un pioniere della sicurezza del software, discutevano di argomenti teorici nella sala da tè del dipartimento di Cambridge.

“L’informatica è una cosa troppo importante per lasciarla ai solo uomini”

La loro casa a Coton, appena a ovest di Cambridge, era piena di libri, opere d’arte e oggetti trovati, come un interessante pezzo di legno o un tritacarne dell’età vittoriana, racconta il New York Times. Avevano una seconda casa nello stesso villaggio, usata per immagazzinare i pezzi in più della loro collezione di libri e come laboratorio come artista. Una delle sue opere è stata appesa al Microsoft Research Lab di Cambridge.

La vela era un’altra passione di Sparck Jones e del marito Needham. Hanno restaurato una barca a vela vintage del 1872 chiamata “Fanny of Cowes” e usandola assieme a una comunità di appassionati di vecchie barche lungo la costa orientale dell’Inghilterra. Hanno scelto di non avere figli.

«Volevano la loro vita intellettuale – ha detto Andrew Herbert, amico e un collega informatico – ed è chiaro a tutti quelli che li conoscevano che sono stati profondamente innamorati l’uno dell’altro per tutta la loro vita».

Sparck Jones aveva una voce molto sonora e un pungente senso dell’umorismo. Al lavoro, di solito indossava una semplice uniforme: blue jeans, maglione rosso, camicetta bianca. Indossava anche una spilla, che aveva costruito lei stessa con le pietre e parte di un ferro di cavallo. Quando ha dovuto andare in bicicletta a una cena formale, come spesso si faceva a Cambridge, appendeva il vestito al manubrio con delle mollette e lo indossava all’ultimo momento.

Nel 1982, ha lavorato per il governo britannico al programma Alvey, un’iniziativa per incoraggiare una maggiore spesa di ricerca in ambito informatico in tutto il paese. Nel 1993, ha scritto, con Julia R. Galliers, “Valutazione dei sistemi di elaborazione del linguaggio naturale”, il libro di testo fondamentale sull’argomento.

“L’informatica è una cosa troppo importante per lasciarla ai solo uomini”

Sparck Jones è diventata presidente dell’Associazione per la linguistica computazionale, un gruppo internazionale di professionisti nel settore, nel 1994. È diventata professore a tempo pieno a Cambridge nel 1999 e si era parecchio preoccupata che ci fosse voluto così tanto tempo. Per tutti gli anni precedenti, aveva avuto un contratto con l’università, una forma di lavoro accademico non mantenuta e di basso livello.

“Cambridge per molti versi non è user-friendly, nel senso di donna-amichevole», ha detto una volta..

Sparck Jones è morta di cancro il 4 aprile 2007. Aveva 71 anni. Anche se non ha ricevuto un necrologio su The Times a suo tempo, lo ha ricevuto invece suo marito, morto nel 2003.

Oggi i ricercatori citano costantemente il suo lavoro di ricerca. Le idee di cui ha scritto vengono messe in pratica sempre di più per utilizzarle con i nuovi sistemi di intelligenza artificiale diventa.

«Tutto questo – dice Martha Palmer, professore nel dipartimento di Linguistica e Informatica dell’Università del Colorado – indica quanto lei fosse avanti rispetto al suo tempo, quanto fosse importante il suo lavoro, quanto poco sia stato valutato per i primi 20 anni».

“L’informatica è una cosa troppo importante per lasciarla ai solo uomini”

Sparck Jones ha fatto da mentore a una generazione di ricercatori, uomini e donne, e ha proposto uno slogan: “L’informatica è troppo importante per essere lasciata agli uomini”.

Era in anticipo sui suoi tempi in un altro senso. Decenni prima che la Silicon Valley avesse il suo punto di vista morale, Sparck Jones ha avvertito gli autori del codice che devono pensare all’impatto del loro lavoro sulla società.

«Esiste – diceva – un’interazione tra il contesto e l’attività di programmazione stessa. Non hai bisogno di una discussione filosofica che risalga ai principi di tutto ogni volta che metti le dita sulla tastiera, ma dato che l’informatica si sta diffondendo così tanto nella vita delle persone, devi comunque pensare anche a queste cose”.

Aveva ragione da vendere.