Smartphone, dal 2021 obbligo USB-C per gli alimentatori

Nel giro di tre anni, Apple, Google, Lenovo, LG, Motorola, Samsung e Sony hanno promesso alla Commissione europea di adottare per gli alimentatori lo standard USB-C come riferimento. Questo non significa che Apple sostituirà la porta Lightning dell'iPhone con l'USB-C ma che l'alimentatore USB che la Mela offre nella confezione sarà USB-C, utilizzabile con un cavo a USB‑C a Lightning.

Da anni la Commissione europea porta avanti una semplice idea: un caricatore universale compatibile con i telefoni di tutte le marche. L’incompatibilità dei caricabatteria per telefoni cellulari, oltre a causare inconvenienti agli utenti, rappresenta per l’Unione europea anche un serio problema ambientale. Quando si cambia cellulare, spesso si è costretti ad acquistare un nuovo caricabatteria, anche se quello vecchio funziona ancora perfettamente.

Nel 2011 accogliendo la richiesta della Commissione europea, quattordici case costruttrici di telefoni cellulari avevano sottoscritto un accordo col quale si impegnavano a uniformare secondo uno standard comune i caricatori per i telefoni venduti nell’UE, un Memorandum di Understanding (MoU) grazie al quale la maggiorparte dei nuovi dispositivi immessi sul mercato avrebbero dovuto supportare un caricabatteria basato su tecnologia micro-USB.

Il memorandum in questione è scaduto nel 2012 e ora Apple, Google, Lenovo, LG, Motorola, Samsung e Sony hanno concordato con la Commissione europea di adottare USB-C come dispositivo di ricarica comune nei prossimi tre anni. Questo non significa che Apple sostituirà la porta Lightning dell’iPhone con l’USB-C ma che l’alimentatore USB che Apple offre nella confezione sarà USB-C, utilizzabile con un cavo a USB‑C a Lightning.

L'attuale alimentatore USB Apple da 5W è compatibile con tutti i modelli di Apple Watch, iPhone e iPod.
L’attuale alimentatore USB Apple da 5W è compatibile con tutti i modelli di Apple Watch, iPhone e iPod.

Nel nuovo memorandum di Understanding (qui in PDF) si specifica che è possibile creare telefoni con cavi USB-C da ambo i capi (l’accoppiata alimentatore USB-C e cavo USB-C), cavo USB-C/USB-A (smartphone con USB-C + alimentatore con USB-A), alimentatori USB-C e cavi proprietari/scollegabili dall’altro (alimentatore USB-C e cavo Lightning).

Apple vende già cavi da USB-C a C a Lightning, così come l’alimentatore USB‑C da 29W. Quest’ultimo è pensato per funzionare con i MacBook dotati di porta USB‑C ma è comunque compatibile con tutti i dispositivi USB‑C; è possibile usarlo con iPhone 8, iPhone 8 Plus e iPhone X (i 29W sono più che abbondanti rispetto ai 5W disponibili con il classico alimentatore incluso nella scatola degli iPhone) e consente di sfruttare la funzione di ricarica veloce.