Starcraft II, rivoluzione (anche per Mac) nel mondo della strategia in tempo reale

Oggi a Milano Blizzard ha sveltato le caratteristiche del nuovo Starcraft II. Un intreccio complesso che si dipanerà in un gioco e due espansioni già in lavorazione, nuove unità e missioni, nuove coinvolgenti possibilità per decidere le sorti del conflitto tra le 3 fazioni. Garantite ore e ore di gioco in single player e divertimento infinito in multiplayer. Integrazione con Facebook e la possibilità per gli utenti di creare campagne e missioni che potranno poi essere vendute in una sorta di App Store. Dsponibile per Mac e PC a luglio.

Blizzard Starcraft II Il management di Blizzard ha presentato oggi a Milano Starcraft II, l’attesissimo nuovo capitolo che espanderà l’universo di gioco come non è avvenuto fin dal 1997, anno di lancio del primo titolo. L’originale Starcraft ha venduto oltre 11milioni di copie in tutto il mondo, nel frattempo Blizzard si è trasformata da startup in puro stile californiano in una imponente multinazionale dell’entertainment. “Oggi in Blizzard lavorano 4.100 persone in 8 uffici presenti in 7 nazioni” la presentazione della società è offerta all’inizio dell’evento da Frank Pearce cofondatore ed Executive Vice President dello sviluppo di Blizzard, riportando i numeri di un impressionante successo che tutto il mondo conosce anche grazie a World of Warcraft. “Siamo stati i pionieri del gioco online con la piattaforma Battle.net e poi con World of Warcraft” Pearce riassume in una frase l’evoluzione da Battle.net, il sistema online per gli scontri di Starcraft, al gioco di ruolo persistente che ha letteralmente aperto un universo parallelo nella vita dei giocatori di World of Warcraft.

Frank Pearce descrive l’iper-crescita di Blizzard senza formalismi e senza alcun autocompiacimento. Nonostante sia il dirigente di una delle compagnie di videogiochi più famose e apprezzate al mondo, l’approccio è modesto nelle parole e nell’aspetto. Appena sbarcato a Milano, con gli stivali in stile cowboy e la camicia a maniche corte ricamata, Pearce ha l’aspetto e i modi affabili di un tranquillo turista statunitense.

“Starcraft II comincia nell’esatto punto in cui le avventure e la storia si sono concluse nel 1998 con l’espansione Brood Wars – Frank Pearce lascia subito le introduzioni per passare al sodo – “Abbiamo voluto ricreare un ambiente familiare per i giocatori del primo titolo, allo stesso tempo offrendo una consistente serie di novità per quanto riguarda i contenuti e la storia”.

Blizzard Starcraft II Blizzard Starcraft II

Starcraft II può contare su un motore grafico 3D che viene utilizzato sia negli scontri nei vari scenari, sia per presentare al giocatore video in computer grafica. L’aspetto del gioco risulta notevole in ogni sua parte: dai disegni ricchi di varietà e colori per le varie unità in campo, fino agli intermezzi video che arricchiscono la trama, permettono al giocatore di immergersi meglio nella storia ed infine offrono una prospettiva diversa sulle vicende.

A Milano i giornalisti hanno potuto osservare direttamente per la prima volta le sequenze di gioco ambientate nelle varie basi, un filmato introduttivo. Il motore di gioco fa la sua parte visualizzando centri di comando credibili e ricchi di dettagli. I personaggi si muovono fluidamente e la sala offre una sensazione di realismo notevole. Mentre i generali consultano gli schermi tattici, il personale di grado inferiore lavora ad altre postazioni. Sembra quasi di poter ascoltare il fruscio delle tute e i rumori più decisi delle corazze tra i beep e i suoni degli strumenti. Forse concentrandosi, risulterebbe possibile avvertire l’odore dell’olio e delle attrezzature. Lasciano invece a bocca aperta anche i viodeogiocatori più consumati le sequenze di gioco in modalità campagna in cui un numero sterminato di unità di tipo diverso, alieni e marines, truppe di terra e di cielo si confrontano in scenari realizzati con una cura maniacale. Starcraft II da questo punto di vista è assolutamente spettacolare.

Per la fortuna dei giocatori, Starcraft II ha molto più da offrire oltre al nuovo e ben realizzato motore grafico. Gli scenari e le caratteristiche del territorio di scontro ora risultano più importanti e decisive rispetto al primo titolo, offrendo inoltre nuove possibilità per elaborare strategie e sfruttarle a nostro vantaggio. Anche i giocatori più esperti di Starcraft troveranno nel nuovo titolo nuove unità, nuove possibilità di progresso tecnologico. Con il rilascio di Starcraft II a luglio Blizzard renderà disponibile la nuova versione di Battle.net: la piattaforma online rivestirà un ruolo centrale non solo per gli scontri multiplayer ma anche per le partite a giocatore singolo contro il computer. Oltre ai tutorial, il giocatore troverà sempre la sua posizione e progressi memorizzati online, così da poter continuare la propria partita praticamente da qualsiasi computer dotato di collegamento a Internet. Grazie all’editor incluso è possibile creare non solo nuovi scenari di scontro ma intere nuove campagne personalizzate, con tanto di filmati, oggetti, progressi tecnologici e molto altro ancora. Inizialmente questi contenuti creati dagli appassionati saranno distribuiti gratuitamente nella comunità di Starcraft ma successivamente Blizzard varerà un vero e proprio mercato online in stile App Store in cui vendere e comprare i materiali creati dai giocatori.

Blizzard Starcraft II Blizzard Starcraft II Blizzard Starcraft II Blizzard Starcraft II

Durante lo sviluppo di Starcraft II Blizzard ha realizzato che l’intreccio e la storia erano troppo estesi e complessi per essere integrati in un solo titolo, per questa ragione dopo Starcraft II vedremo comparire due espansioni già in lavorazione, la cui data di rilascio non è ancora stata decisa.

Non mancano novità consistenti anche per chi ha già anche giocato alla Beta di Starcraft II: Frank Pearce e Blizzard hanno dichiarato che la modalità single player, non inclusa nella beta del gioco, rappresenta la sezione più importante e ricca del nuovo titolo. Solo giocando nella modalità campagna completa contro il computer potremo utilizzare più mezzi e unità, progressi tecnologici e add-on assenti invece nella sezione multiplayer. “Questi elementi sono stati volutamente esclusi dalla modalità multiplayer per semplificare il bilanciamento del gioco negli scontri diretti tra i giocatori su Battle.net” ha spiegato Pearce. I nuovi mezzi e le numerose combinazioni possibili presenti nella campagna sono perfettamente gestibili contro l’intelligenza artificiale del computer ma impossibili da calibrare tra loro in tutte le combinazioni per gli scontri online.

Starcraft II non obbligherà i giocatori a completare una serie di missioni in sequenza: sarà sempre possibile scegliere quale percorso seguire e quali missioni affrontare. Solo giocando in single player si possono sbloccare nuove opzioni che poi saranno disponibili anche in multiplayer: per esempio ottenendo nuove immagini per personalizzare il proprio personaggio, decorazioni che saranno visualizzate sulle tute e anche sulle unità all’interno del gioco multiplayer e molto altro ancora.

Blizzard Starcraft II Blizzard Starcraft II

Occorrono fino a 20 ore per completare Starcraft II conoscendone tutti i dettagli e seguendo esclusivamente la traccia fondamentale. Questo per una sola delle fazioni e senza prestare alcuna attenzione alle numerose opzioni per quanto riguarda unità speciali, progressi, combinazioni possibili e senza svolgere gli svariati obiettivi secondari, disponibili in ogni scenario. “Nessuno può vedere tutto quello che c’è in Starcraft II completando il gioco una sola volta – Frank Pearce non ha dubbi – “a nostro parere Starcraft II offre una mole consistente di contenuti in grado di moltiplicare notevolmente il fattore longevità”. Chi desidera immergersi completamente nel nuovo titolo Blizzard in arrivo a fine luglio ha davanti a sé la possibilità di giocare e rigiocare più volte scoprendo sempre nuovi dettagli e possibilità.

Frank Pearce ha svelato tutte le novità di Starcraft II utilizzando come traccia e promemoria un iPad posizionato sul tavolo proprio al suo fianco. Qualche veloce tap sullo schermo per scorrere gli appunti e per non dimenticare i punti salienti da evidenziare ai media italiani. Il gioco uscirà in contemporanea per Mac e PC, una operazione possibile grazie al lavoro fianco a fianco del team principale di Starcraft II e di alcuni programmatori che sviluppano il codice per Mac seguendo di pari passo la versione per Windows. A luglio ci sarà da divertirsi anche per gli utenti della Mela.

Blizzard Starcraft II

Blizzard Starcraft II Blizzard Starcraft II

Blizzard Starcraft II Blizzard Starcraft II Blizzard Starcraft II