Stephen Hawking: “L’intelligenza artificiale è un pericolo per l’umanità”

Secondo Stephen Howking lo sviluppo dell'intelligenza artificiale potrebbe minacciare l'esistenza della razza umana e decretare anche la sua scomparsa.

Stephen Hawking
Stephen Hawking

Secondo Stphen Howking, l’eminente scienziato britannico, lo sviluppo dell’intelligenza artificiale potrebbe minacciare l’esistenza della razza umana e decretare anche la sua scomparsa. I dubbi dello scienziato sono stati dichiarati in un’intervista della BBC, dove il professore ha risposto ad alcune domande circa lo sviluppo e l’interesse della scienza nei confronti dell’intelligenza artificiale.

Per Hawking l’intelligenza artificiale “Andrebbe per conto suo, e ri progetterebbe se stessa ad un ritmo sempre crescente. Gli esseri umani, limitati dalla lenta evoluzione biologica, non potrebbero competere e sarebbero rimpiazzata.

Hawking non nega l’importanza dell’intelligenza artificiale e la sua utilità attuale, ma iniziano ad essere sollevati dubbi su fino a che punto debba spingersi la ricerca. I timori di Hawking non sono isolati: in precedenza anche Elon Musk, patron di Tesla e imprenditore impegnato nelle nuove tecnologie, ha avanzato le stesse perplessità circa la smodata tendenza a voler spingere l’intelligenza artificiale oltre ogni limite.

Altri osservatori però sono molto meno pessimisti: una vera intelligenza artificiale sembra essere ancora molto lontana nel tempo rispetto agli sviluppi attuali e difficilmente la ricerca procederà in maniera sprovveduta. Resta però il fatto che il timore di uno Skynet, l’intelligenza artificiale descritta nella saga dei film di Terminator come pronta a sterminare l’umanità, inizia ad essere considerata un po’ meno fantascientifica di quanto potesse apparire 30 anni fa.

Stephen Hawking