HomeMacityAggiornaMacSviluppatori OS X, obbligo di sandboxing rinviato a giugno

Sviluppatori OS X, obbligo di sandboxing rinviato a giugno

Apple ha spostato ancora una volta l’obbligo di sandboxing per le applicazioni. A novembre dello scorso anno la società aveva pianificato per gli sviluppatori che desideravano inviare applicazioni al Mac App Store l’obbligo dell’utilizzo di una tecnologia che costringe a eseguire le applicazioni all’esterno di alcuni punti “strategici” del sistema operativo, limitando alcune operazioni eseguibili ma con palesi vantaggi dal punto di vista della sicurezza.

In seguito a molte richieste, il vincolo era rimandato al primo marzo di quest’anno e ora rinviato ancora (questa volta a giugno) dando così tempo agli sviluppatori di modificare il codice nativo e adattare alcuni software. La nuova timeline di Apple consentirà agli sviluppatori di sfruttare alcune tecnologie intrinseche di OS X 10.7.3, di Mountain Lion (es. il Gatekeeper) e nuove API di Xcode 4.3 

Come abbiamo riportato qualche giorno addietro, alcuni sviluppatori lamentano con il sandboxing l’impossibilità di sfruttare funzioni particolari. A detta di Apple la maggior parte delle applicazioni non richiede alcuna modifica; diverso è il discorso per applicazioni che modificano il comportamento standard del sistema o utility che interagisce con i livelli più bassi del sistema operativo. Per molte di queste in futuro potrebbe essere necessario un esame approfondito prima che Apple approvi la loro pubblicazione sullo store.

[A cura di Mauro Notarianni]

Offerte Speciali

macbook pro 16 in sconto su amazon

MacBook Pro M1 16 da 1 TB su Amazon risparmiate quasi 400 Euro sul modello top

Su Amazon comprate in sconto il top di gamma dei MacBook Pro 16" disponibili online senza personalizzazion. Sconto del 10%, pagamento a rate senza interessi né garanzie e spedizione immediata.
Pubblicità

Ultimi articoli

Pubblicità

Iguida

Faq e Tutorial