Test su strada entro fine anno per le auto a guida automatica di Intel e BMW

A breve i test su strada di Intel e BMW per le auto a guida autonoma. Intel evidenzia il ruolo dell'intelligenza artificiale e spiega perché non è possibile proseguire con un approccio proprietario

BMW

Intel e BMW vogliono cominciare a testare su strada loro tecnologie per le auto a guida autonoma. Nei veicoli sarà sfruttata, tra le altre cose, la tecnologia di Mobileye, azienda acquisita da Intel a marzo di quest’anno. Meno di un anno fa, queste tre aziende avevano annunciato l’intenzione di realizzare la produzione in serie di veicoli altamente e completamente autonomi entro il 2021, tramite lo sviluppo di una piattaforma comune.

Nel corso di un evento che si è svolto a San Jose in California, Kathy Winter, vice presidente responsabile automated driving di Intel, ha rivelato che le prime 40 auto BMW Serie 7 saranno testate sulle strade entro fine anno. “Sono oltre 30 anni che mi alzo ogni mattina per andare a lavorare in Intel. Ma mai, in questi 30 anni, mi sono entusiasmato così tanto nel farlo come oggi, essendo a capo del team Intel che si occupa dei veicoli autonomi” ha dichiarato Doug Davis, Senior Vice President e General Manager dell’Automated Driving Group (ADG) di Intel.

Doug Davis
Doug Davis

“Non fraintendetemi” ha detto ancora Davis, “ho avuto una splendida carriera e ho lavorato su alcuni programmi che hanno avuto un impatto significativo sul mondo che ci circonda. Tuttavia la possibilità di risolvere una delle sfide tecnologiche più complesse del nostro tempo, l’opportunità di aiutare l’industria automobilistica e reinventare i trasporti e la possibilità di salvare un milione di vite ogni anno, sono tutte cose completamente diverse da ciò che ho fatto finora. È il motivo per cui ho posticipato il mio pensionamento”.

“Ho una fiducia incrollabile sul fatto che Intel avrà successo nel settore della guida autonoma. Possiamo vantare uno straordinario bagaglio di esperienza e la “cassetta degli attrezzi” tecnologica più avanzata al mondo per cogliere questa sfida. Disponiamo delle risorse interne alla nostra azienda, a cui abbiamo aggiunto talenti con esperienza nel settore automotive. I nostri team stanno lavorando al massimo delle possibilità per offrire le innovazioni tecnologiche necessarie.

“L’aspetto più importante nella guida autonoma sono i dati” dice Davis “e in particolare: il modo migliore per elaborarli, gestirli, trasferirli, archiviarli, condividerli e apprendere da essi”. “Man mano che procediamo sulla strada che porta alle auto autonome, la sfida dei dati diventerà sempre più complessa e richiede nuovi modi di gestire i dati all’interno del veicolo, attraverso la rete e nel cloud”. “Per essere certi di disporre della strategia ideale per gestire la sfida dei dati, abbiamo installato il primo dei molti data center pianificati, dedicati alla guida autonoma. Questi laboratori, unici nel loro genere, saranno usati per lo sviluppo di algoritmi, oltre che per comprendere le particolari esigenze dell’infrastruttura per il trasferimento e l’archiviazione dei dati della guida autonoma. I ricercatori implementeranno costantemente i feed di informazioni delle auto di prova in questi data center per allenare le reti neurali e migliorare gli algoritmi di apprendimento automatico. Inoltre, ci stiamo occupando di realizzare laboratori simili in collaborazione con clienti e partner”.

Intel e BMW

Non mancano riferimenti alla intelligenza artificiale. “Padroneggiare l’intelligenza artificiale sia all’interno dell’auto che nei data center sarà essenziale per vincere la sfida dei dati per la guida autonoma. E a questo proposito è importante ricordare che la guida autonoma non è affatto un gioco. Quando le auto “pensano” e agiscono senza l’intervento umano, devono essere in grado di farlo in modo sicuro e affidabile. L’intelligenza artificiale necessaria per rendere possibile tutto ciò non è solo la visione artificiale: pensate alla voce, al processo decisionale, alla personalizzazione e alle preferenze. Ciascuno di questi carichi di lavoro dell’intelligenza artificiale ha bisogno di un diverso set di algoritmi e probabilmente di un diverso tipo di elaborazione per prestazioni ottimali. Se tutto ciò di cui avevamo bisogno per gestire la sfida dei dati della guida autonoma fosse stato un supercomputer, il nostro compito sarebbe già terminato”.

“La vera accelerazione” dice ancora Davis, “avverà quando il settore arriverà ad allinearsi su piattaforme e tecnologie comuni. In questo modo, gli sviluppatori potranno procedere rapidamente e in volumi, differenziando le loro soluzioni dal punto di vista software.

“Sono in molti gli scettici che ritengono che l’esperienza di Intel nell’abilitare una rapida scalabilità non possa essere replicata nella guida autonoma. Allo stesso tempo, sono in molti nel settore automobilistico a non comprendere quanto sia importante una collaborazione aperta per la differenziazione e l’innovazione. Capisco questo scetticismo, ma i miei anni di esperienza mi hanno insegnato che la tecnologia risolve al meglio i problemi quando è organizzata sulla base di piattaforme comuni e interfacce prevedibili. Senza dubbio, è il modo più rapido di progredire nel nostro viaggio verso la guida autonoma”.

“Come società, non penso che possiamo permetterci di proseguire con un approccio proprietario. Il costo in termini di tempo, denaro e vite umane è troppo alto. Prima riusciremo a rendere disponibile la tecnologia per la guida autonoma, e a togliere le persone dal posto di guida, prima riusciremo a salvare vite umane. È molto semplice, e altrettanto importante. Sono fiducioso del fatto che Intel non solo riuscirà ad aiutare i nostri partner a portare su strada le auto che si guidano da sole, ma che riusciremo a farlo nel modo più veloce e intelligente possibile”.