Home CasaVerdeSmart Recensione vaporizzatore a freddo, umidificatore e ionizzatore Taotronics

Recensione vaporizzatore a freddo, umidificatore e ionizzatore Taotronics

C’è chi l’umidità la fugge e chi la cerca: per il secondo gruppo di persone sono nati gli umidificatori-atomizzatori programmabili in grado di fornire agli ambienti in chi viviamo il giusto grado richiesto per i più diversi scopi: diminuire la secchezza dovuta a riscaldamento con convettori, mantenere le condizioni climatiche giuste in una serra casalinga oppure un bel pianoforte che resti sempre ben intonato.

Qualunque sia la vostra necessità esistono sul mercato diversi dispositivi dal costo che varia da 0 a 130 Euro e che sono basati su tre diverse tecnologie: quello più semplice a costo zero e’ un semplice contenitore da mettere sul sistema riscaldante (termosifone o convettore) con acqua all’interno che evaporerà normalmente ma senza controllo del livello, e in quantità limitata e si basa sul funzionamento come Umidificatore Evoparativo.

Il secondo tipo di umidificatore è quello a vapore caldo con acqua portata ad ebollizione e vapore immesso nell’aria: ha lo svantaggio di essere piuttosto rumoroso e con buona formazione di calcare che pulito di frequente; il prezzo arriva a 80-90 Euro.

Il terzo tipo di umidificatore è quello che prendiamo in esame e si basa sul funzionamento ad ultrasuoni: l’acqua viene messa in movimento dagli ultrasuoni che producono un vapore freddo; il vantaggio sta nella bassa rumorosità, nei bassi consumi e nella più limitata formazione di calcare.

vaporizzatore a freddo

 

Se alteriamo l’umidità di un locale dobbiamo stare attenti anche ad altri due fattori: la direzione del vapore emesso e la distanza da pareti fredde: se la differenza di temperatura è elevata il vapore si condenserà su quella parate se utilizziamo un vaporizzatore a caldo, dall’altro lato un umidificatore a freddo potrà essere più soggetto alla presenza di batteri che nell’altro sistema vengono eliminati dalla temperatura mentre qui possono essere gestiti con una buona frequenza delle pulizie.

L’umidificatore di TaoTronics sembra molto promettente sulla carta: ha un timer regolabile per accensioni e spegnimento programmato, una buona silenziosità, la possibilità di funzionare come ionizzatore, di dirigere a piacere il getto ed un grande serbatoio da 4 litri che unito ad un filtro in ceramica dovrebbe garantirvi una discreta autonomia dalle operazioni di ricarica e pulizia.

La confezione

Il vaporizzatore arriva in una confenzione in cartone molto semplice ed un sacchetto in cellophan che lo protegge: in realtà essendo realizzato tutto in plastica-policarbonato non ci sono grandi necessità di protezione. Il taotronics è composto da due parti: la superiore dedicata al serbatoio e al filtro e la inferiore dedicata all’elettronica e alla meccanica: funzione un po’ come alcune macchine per il caffè con un sistema di passaggio dell’acqua che presenta una guarnizione di tenuta. Qui la pressione è molto più bassa ma è necessario garantire che il passaggio di liquido sia stagno.

Il cavo di alimentazione è solidale con la parte inferiore e questo, se da un parte migliore la sicurezza elettrica da una parte limita un po’ la distanza di collocazione del dispositivo o richiede una prolunga.

Il manuale è in Italiano, e spiega molto chiaramente le capacità del dispositivo e le modalità d’uso.

Al lavoro 

Aiutata dal manuale in italiano e dall’intuitività di accesso a funzioni molto semplici, l’installazione richiede pochi minuti e consiste nel riempire il serbatoio con acqua corrente, possibilmente con contenuto di calcio limitato, posizionarlo sulla metà inferiore, collocare il vaporizzatore nella posizione ottimale nella nostra stanza e ruotare il cappuccio da cui il vapore uscirà in modo da non far investire direttamente una parete o un mobile: il vapore in uscita è freddo e molto ben nebulizzato ma non assolutamente consigliabile verso una parete che potrebbe rimanere bagnata per fenomeni di condensa derivanti da una differenza di temperatura con l’ambiente.

Le regolazioni riguardano il tasso di umidità desiderato, la velocità delle ventole, l’attivazione o meno della ionizzazione e il timer sia in modalità di ore di attivazione che di autospegnimento. C’e’ anche una modalità notturna che spegne la luce blu per chi ha necessità di dormire con un tasso di umidità che eviti problemi di secchezza e raucedine. Con un pieno d’acqua si possono ottenere 15  ore di uso continuo in un ambiente a basso tasso di umidità.

Una volta regolata l’umidità desiderata il sistema avvia le ventole e inizia la vaporizzazione: se avremo stabilito una umidità del 50% (ai limiti dei valori consigliati per uso residenziale) ogni qualvolta questa scende al 47% l’apparecchio comincia ad emettere il vapore dall’ugello superiore. Si può portare l’umidità fino al 95% a passi del 5% per esperimenti o per colture specializzate in ambienti confinati.

La ventole, che hanno un valore di emissione del rumore di targa(inferiore a 38 DB(A), inferiore a quello di notturno fondo di un quartiere abitato sono veramente discrete nella loro presenza anche al regime massimo: sono udibili ma assolutamente accettabili anche nelle fasi di riposo.

E’ importante la presenza della funzione di autospegnimento nel caso la riserva d’acqua si esaurisca perché evita malfunzionamenti e rottura del vaporizzatore.

Il test

Noi abbiamo collocato il dispositivo in una veranda utilizzata anche come piccola serra per le orchidee che come noto, a seconda della provenienza necessitano di un buon livello di umidità per evitare che le estremità delle radici si secchino o che le foglie si appassiscano. Abbiamo considerato quindi di aumentare l’umidità fino al 50% compatibilmente con la presenza diurna e per verificare con un rilevatore esterno se il livello si mantenesse costante. Nel periodo di prova abbiamo utilizzato l’aiuto sia della stazione meteo Netatmo che di un sensore multifunzione per la domotica. L’umidità misurata, quando non era più alta per condizioni ambientali esterne si manteneva mediamente sul 53% rivelando una imprecisione del rilevamento ma un continuità di fornitura della prestazione eccellente.

L’efficienza

Il consumo dichiarato è di 30 Watt ma abbiamo rilevato anche 18 Watt in funzione con la ventola al minimo (che è la condizione standard in estate) e di 5 Watt “a riposo”. Sicuramente non bassissimo ma di molto inferiore ad umidificatore a vapore caldo e accettabile per le funzioni che svolge.

La manutenzione 

Come abbiamo visto con 4 litri d’acqua non c’è problema a gestire l’umidità di un ambiente di una cinquantina di metri cubi in condizioni standard, se poi l’ambiente e le condizioni atmosferiche sono decenti e vicine al livello di umidità di arrivo il serbatoio può assicurare anche 3 o 4 giorni di regolazione. Quello che è importante in questo come in altri dispositivi che utilizzano una riserva d’acqua è di pulire periodicamente il contenitore per evitare la propagazione nell’aria di batteri che in un sistema a freddo hanno più probabilità di essere messi in circolo rispetto ad un sistema a freddo: la presenza del filtro in ceramica offre una maggiore sicurezza ma è consigliabile usare acqua e amuchina per pulire l’interno. Nel caso si formasse del calcare si può usare il metodo delle macchine per il caffè: pulire con acqua e aceto il contenitore senza lasciarlo in posizione sulla parte inferiore. L’aceto infatti potrebbe danneggiare la guarnizione di tenuta posta sull’altra metà del vaporizzatore… Taotronics consiglia una pulizia ogni 15 giorni e il filtro, che e’ la parte che deve avere la massima efficienza va immerso in aceto per 10 minuti.

Conclusioni 

Un dispositivo efficiente e semplice da utilizzare, non si può considerare un elemento di un impianto domotico visto che la programmazione è diretta e non supera la giornata ma può essere un valido aiuto nella gestione della casa e di patologie relative alla secchezza dell’aria. Ottimo anche per piccole serre o colture casalinghe che necessitano di un controllo dell’umidità. La capacità di ionizzazione sono un plus interessante. Necessita di una pulizia programmata per essere mantenuto efficiente. Prezzo adeguato alle capacità.

Pro

Semplice da utilizzare e programmare, silenzioso ed efficiente e costante nel mantenimento dell’umidità programmata

Contro

Cavo di alimentazione troppo corto, programmabilità ridotta ad un giorno.

Prezzo al pubblico
Il vaporizzatore e umidificatore Taotronics si può acquistare su Amazon al prezzo di 69.99 Euro Iva compresa

Offerte Speciali

iPhone 11 e Pro resistono all’acqua molto più di quanto dichiara Apple

Amazon stronca il prezzo di iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max: prezzi da 869 euro

Offerta su iPhone 11 Pro su Amazon. Modello da 256 Gb a solo 1169,99 euro invece che 1359 euro
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,835FansMi piace
93,824FollowerSegui