fbpx
Home iOS Apple aderisce a progetto per migliorare la privacy di chi compra app

Apple aderisce a progetto per migliorare la privacy di chi compra app

Prima di scaricare un’app sarà possibile visualizzare e leggere le regole sulla privacy, in particolare per tutte le app che raccolgono dati e informazioni degli utenti. E’ questo il risultato di un accordo annunciato ieri dal procuratore generale della California firmato non solo da Apple ma anche da Google, Amazon, HP, RIM e Microsoft, in sostanza le sei aziende che da sole rappresentano la stragrande maggioranza del mercato mondiale delle app.

I colloqui su questo tema con Apple e Google sono cominciati nell’estate scorsa quando il Senato degli Stati Uniti richiese alle due società l’introduzione di una conferma esplicita da parte dell’utente per le app che raccolgono e condividono le informazioni circa la posizione dell’utente. Ora con l’accordo esteso alle sei aziende anche il mondo delle app risponde alle regole del California Online Privacy Protection Act. Oltre alla visualizzazione delle policy sulla privacy prima ancora di scaricare l’app, i 6 firmatari dovranno anche informare gli sviluppatori sulle nuove regole, infine agli utenti dovranno essere forniti strumenti per segnalare eventuali app che non rispondono a queste regole.

Anche se l’accordo è stato siglato negli Stati Uniti in particolare per rispondere alle regole più severe sulla privacy in vigore in California, l’applicazione non avverrà solo per il mercato e gli utenti californiani ma sarà estesa agli utenti di App delle sei aziende in tutto il mondo.
App Store

Offerte Speciali

iPad Air Cellular al minimo storico: 667 € (invece che 809)

Su Amazon trovate in sconto iPad Air da 64 GB con rete cellulare. Interessante ribasso per chi vuole fare didattica a distanza e smart working con spedizione immediata. Lo sconto è dell'18%.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,796FansMi piace
92,817FollowerSegui