Home Macity Voci dalla Rete AirTag si potrebbe usare con cattive intenzioni ma Apple ha la soluzione

AirTag si potrebbe usare con cattive intenzioni ma Apple ha la soluzione

C’è chi non vede l’ora di poter comprare AirTag, ma se Apple ci sta mettendo tanto per lanciarlo probabilmente c’è una ragione. Forse anche più di una perché si tratta di un accessorio che, se usato volontariamente nella maniera sbagliata, può essere perfino pericoloso.

Questo tipo di localizzatori Bluetooth non sono una novità per chi ci legge da tempo o più in generale per gli appassionati di tecnologia: sono degli accessori molto piccoli ed estremamente utili perché si agganciano agli oggetti che si potrebbero perdere facilmente ed aiutano a ritrovarli. Tra le nostre pagine ci sono diverse recensioni di prodotti simili che dimostrano come ad esempio possano cambiare le sorti di un mazzo di chiavi, una fotocamera digitale, uno zaino o persino una bicicletta.

Prima che Apple integrasse la funzione di localizzazione dell’automobile su iOS c’era anche chi ne comprava uno per lasciarlo in auto in modo da ricordarsi dove aveva parcheggiato. Insomma, sono un’evoluzione dei trova-tutto che da decenni compaiono in riviste come quella de “Gli Introvabili” che questo cronista amava sfogliare ogni anno proprio in questo periodo pre-natalizio in casa della nonna.

Ma proprio per questa loro natura, quella cioè di essere piccoli e poco appariscenti, sono potenzialmente anche molto pericolosi. Chiunque ad esempio potrebbe facilmente infilarne uno nella borsa di un passante e seguirlo fino a casa.

Apple a questo ci ha già pensato e pare che stia lavorando su alcune funzionalità che permettono proprio di evitare questi abusi. Lo ha scoperto Steve Moser attraverso alcune stringhe di codice presenti nella beta di iOS 14.3 pubblicata pochi giorni fa. Una di queste – spiega – ad esempio svela il contenuto di una notifica che dovrebbe comparire sui dispositivi dell’utente in particolari condizioni. Il testo recita: “Se ritieni che la tua sicurezza sia a rischio a causa di questo elemento, contatta le forze dell’ordine locali. Potrebbe essere necessario fornire il numero di serie di questo articolo”.

Inoltre gli utenti potrebbero essere avvisati quando si trovano in prossimità di un AirTag sconosciuto – per tornare all’esempio dell’inseguimento citato in precedenza – tramite una semplice notifica con su scritto “Accessorio sconosciuto rilevato” e, se il contatto è prolungato “Questo articolo si è spostato con te per un po’: il proprietario può vedere la sua posizione”.

Non è chiaro se Apple sta anche lavorando su alcune opzioni che permettano di disabilitare un accessorio che non è sotto il proprio controllo in modo tale da impedirgli di tracciare i propri spostamenti. Non sappiamo neanche quando sarà effettivamente disponibile: in precedenza si riteneva che Apple avrebbe potuto presentarlo durante l’evento concluso pochi giorni fa dove, invece, sono stati presentati soltanto i primi Mac con Apple Silicon. A questo punto Apple potrebbe annunciarlo tramite un comunicato stampa oppure direttamente al prossimo evento Apple nel 2021.

Offerte Speciali

Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,935FansMi piace
93,807FollowerSegui