Recensione Anker Soundcore Infini Mini, la soundbar per il cinema in salotto

Macitynet prova la soundbar Anker Soundcore Infini Mini: design elegante e minimale, audio potente e avvolgente ad un prezzo decisamente abbordabile

Recensione Anker Soundcore Infini Mini, la soundbar per il cinema in salotto

Gli speaker integrati nelle TV di ultima generazione sono piuttosto buoni, ma se si vuole qualcosa di più allora è necessario volgere l’attenzione a un impianto dedicato. Sono tantissime le soluzioni attualmente in commercio ma di recente vanno per la maggiore le soundbar, altoparlanti dal design spesso minimalista e che ben si accostano ad un televisore in quanto ingombrano pochissimo ma assicurano una qualità audio decisamente superiore.

Di recente abbiamo avuto la possibilità di provare per qualche giorno Anker Soundcore Infini Mini, una soundbar davvero compatta ed elegante. Ha un buon rapporto qualità/prezzo, si collega a qualsiasi TV tramite cavo oppure via wireless (anche a uno smartphone, ad esempio per la musica) e l’equalizzazione può essere adattata a musica o film in un click.

Nella confezione

  • Soundbar
  • Alimentatore cablato
  • Telecomando
  • Cavo audio Aux-RCA
  • Cavo audio ottico
  • Viti con tasselli x2
  • Manuale d’istruzioni
  • Libretto di garanzia

Recensione Anker Soundcore Infini Mini, la soundbar per il cinema in salotto

Com’è fatta

Anker Soundcore Infini Mini è davvero compatta (misura 55 x 10 x 7 centimetri circa) ed il design è davvero essenziale: uno chassis in policarbonato riveste interamente la cassa ad eccezione della facciata frontale, dove troviamo una solida copertura forata in metallo che lascia respirare i driver.

E’ di colore nero e la scocca esterna è lucida, una vera calamita per la polvere. Poggia su due ampi piedini in gomma, evitando così qualsiasi contatto sulla mensola dove andrà riposta. Eventualmente è possibile fissarla al muro attraverso le due viti con tassello incluse in confezione.

Sul lato destro una pulsantiera offre un accesso diretto al tasto di accensione, ai due pulsanti per regolare il volume e ad un quarto pulsante per selezionare la modalità di ingresso. Pulsanti che in realtà difficilmente andremo ad utilizzare in quanto risulta molto più pratico il telecomando, dove sono presenti anche altri pulsanti che offrono un maggiore controllo della soundbar.

Come collegare Anker Soundcore Infini Mini

E’ possibile collegare la soundbar al televisore in tre modi differenti via cavo oppure senza fili.

Collegamento via cavo audio Aux-RCA

Per collegare Anker Soundcore Infini Mini a televisori che non dispongono di una uscita audio ottica è sufficiente inserire la spina audio jack da 3.5mm nell’apposita presa della soundbar e i due cavi bianco e rosso nelle rispettive prese normalmente posizionate sul retro o in uno dei due lati del televisore.

Collegamento via cavo ottico

Per collegare la soundbar a televisori dotati di uscita audio ottica basta utilizzare il relativo cavo in dotazione collegando una delle due estremità alla presa audio ottica della soundbar e l’altra estremità all’uscita audio ottica (OPT OUT) del televisore.

Recensione Anker Soundcore Infini Mini, la soundbar per il cinema in salotto

Collegamento via Bluetooth

E’ infine possibile collegare la soundbar ad un televisore dotato di Bluetooth attivando la modalità wireless (basta premere il pulsante B sul telecomando) e ricercando lo speaker dal menu dispositivi Bluetooth nelle vicinanze del televisore.

Questa modalità permette in realtà di collegare la soundbar a qualsiasi dispositivo Bluetooth, come smartphone e tablet. In questo modo è possibile trasformarla temporaneamente in uno stereo per il salotto oppure per guardare un film dal tablet godendo però di un audio superiore.

Come funziona

Per utilizzare la soundbar Anker Soundcore Infini Mini è innanzitutto necessario accenderla. Potete farlo dalla pulsantiera integrata nello speaker oppure direttamente pigiando il tasto On/Off sul telecomando.

L’accensione è piuttosto rapida: in appena 3 secondi è pronta all’uso. A questo punto non resta che pigiare il pulsante relativo al tipo di collegamento desiderato. Se la soundbar è collegata al televisore tramite cavo audio RCA si dovrà premere il pulsante AUX, se è collegata tramite cavo audio ottico il tasto da premere è contrassegnato dalla sigla OPT mentre se si desidera abilitare il collegamento Bluetooth allora basta cliccare il pulsante B.

Recensione Anker Soundcore Infini Mini, la soundbar per il cinema in salotto

Film o Musica? Ad ognuno il tasto suo

Se si sta utilizzando la soundbar per potenziare l’audio di un film può essere una buona idea cliccare poi sul tasto Movie, mentre se è in visione un videoclip musicale o si sta ascoltando la musica dallo smartphone fa la differenza il tasto Music.

Questi due pulsanti in realtà non fanno altro che cambiare l’equalizzazione della soundbar adattando le varie frequenze a queste due tipologie di utilizzo. Con la modalità Musica si darà maggiore enfasi alle frequenze medio basse mentre con la modalità Film si percepisce una migliore riproduzione del parlato.

Recensione Anker Soundcore Infini Mini, la soundbar per il cinema in salotto

Come suona

Abbiamo utilizzato con piacere questa soundbar per qualche giorno alternandone l’uso non solo tra musica e film, ma affiancandola anche a documentari e spettacoli TV quotidiani. La differenza tra gli speaker integrati nel nostro televisore (un Sony Bravia di recentissima generazione) e la soundbar è evidente.

Nella prova video allegata abbiamo cercato di regolare il volume di TV e soundbar allo stesso livello, passando da una modalità all’altra durante la riproduzione di alcuni programmi per cercare di farvi ascoltare la differenza. Tenere presente che il microfono utilizzato è quello integrato nella nostra compatta digitale, quindi di qualità non eccellente. La differenza si percepisce anche dal nostro filmato, sebbene dal vivo è tutta un’altra storia.

Avete presente quando ascoltate la musica dallo smartphone e lo chiudete in un cassetto? Ecco, così è come vi sembrerà l’audio del televisore dopo aver utilizzato anche solo per qualche minuto la soundbar. L’audio di quest’ultima non solo offre una migliore equalizzazione ma, beneficiando del miglior posizionamento (gli speaker integrati nei TV si trovano normalmente sul retro, con la soundbar l’audio è frontale), risulta molto più chiaro ed avvolgente.

Se le voci dal televisore appaiono fredde e metalliche, con Anker Soundcore Infini Mini sembrano invece molto più calde e “reali”, come se a parlare fossero delle persone fisicamente presenti nel nostro salotto. Quel che forse manca è una potenza maggiore: al massimo del volume infatti riempiamo un salotto di medie dimensioni e risulta difficile parlare con chi ci siede affianco (nelle scene più concitate), ma manca quella tacca in più per dire “ok, non vado più al cinema”.

In effetti chi scrive ha avuto la possibilità di comparare questa soundbar con impianti audio per TV di qualità nettamente superiore, composti non solo da uno speaker frontale ma anche da subwoofer e piccoli altoparlanti satellite posizionati agli angoli della stanza. Il paragone non sussiste in quanto sono due impianti completamente diversi non solo per tipologia ma anche e soprattutto per costo, tuttavia se cercate un audio così potente e coinvolgente allora sappiate che la sola soundbar di Anker non fa al caso vostro.

Conclusioni

La nostra prova video forse non rende davvero giustizia alla soundbar, ma la differenza con gli speaker integrati nel TV è notevole e una volta collegata al televisore difficilmente si riuscirà a farne a meno. In quattro parole? E’ una soluzione elegante, compatta, economica e funzionale. Fino a fine settembre la sound bar Infini Mini che costa 89,99 euro,  usando il codice XVJUI84Q la pagherete 67,49 euro.

Pro

  • Posizionamento versatile (a terra o alla parete)
  • Audio coinvolgente
  • Modalità Musica o Film
  • Connessione wireless e due opzioni via cavo
  • Controllo remoto con il telecomando

Contro

  • Chassis lucido, una calamita per la polvere
  • Volume massimo non al top