Apple Car, a Berlino incubatore segreto e dream team per l’auto Apple del futuro

Secondo un quotidiano tedesco a Berlino c’è un’azienda di facciata che in realtà fa capo ad Apple con dipendenti di eccellenza, esperti nell’industria automobilistica. Un incubatore di idee per Apple Car

Nella futuristica Apple Car batterà un cuore anche un po’ europeo: a Berlino ha sede un’azienda di facciata che in realtà fa capo ad Apple, dove lavorano 15-20 persone, dipendenti di eccellenza con esperienza nell’industria automobilistica tedesca. L’esistenza di questo incubatore per Apple Car e del relativo dream team di professionisti e visionari dedicati alle auto Apple del futuro è riportato da Frankfurter Allgemeine Zeitung uno dei più autorevoli quotidiani tedeschi quindi, anche se l’indiscrezione non può al momento essere confermata, deve per lo meno essere presa in seria considerazione

Nell’articolo del quotidiano tedesco non sono citati nomi ma si parla genericamente di giovani professionisti con differenti esperienze nel campo dell’ingegneria, del software, dell’hardware e delle vendite. In precedenza “frenati” dai manager che lavorano per i produttori di automobili tradizionali, questi “pensatori progressisti” stando a quanto riportato da AppleInsider, lavorano nel laboratorio alla stregua di un incubatore di idee per futuri veicoli, studiando – tra le altre cose – potenziali partnership per la fabbricazione, problematiche governative e di vendita relative al mercato tedesco.

Apple Car
Ancora una volta le indiscrezioni riportate dal giornale parlano della presunta Apple Car (nome in codice “Project Titan”) come di un’autovettura elettrica riaffermando quanto già sentito in precedenza e cioè che, almeno nella prima variante, non sarà a guida autonoma ma che tecnologie di assistenza alla guida sono ad ogni modo allo studio. Apple non ha ovviamente una propria catena di concessionari e starebbe lavorando al concetto simile a quello offerto dalla tedesca DriveNow, azienda fondata a Monaco che vanta 550 mila utenti, attiva in nove città europee e due americane (San Francisco e Seattle) nelle quali offre flotta di auto che includono Mini, BMW Serie 1 e Z1, oltre alle elettriche i3 e ActiveE.

Per quanto riguarda la fabbricazione delle auto si parla di accordi con l’austriaca Magna Steyr, specializzata nell’industria del settore e nei cui stabilimenti vengono prodotte diversi modelli di auto destinati al mercato europeo per conto di varie case automobilistiche. Oltre a questo (presunto) piccolo team tedesco, su Apple Car sarebbero al lavoro oltre un migliaio di dipendenti Apple in varie strutture semi-segrete in California che operano con nomi di facciata per non far capire di essere legate ad Apple.

Qualche giorno addietro Motor Trend, testata statunitense dedicata al mondo delle auto, ha commissionato ad alcuni membri di una scuola californiana di design di immaginare la Apple Car.

Apple-Car-sketches-02