Apple voleva comprare PowerPoint ma fu superata da Microsoft

PowerPont 1.0

[banner]…[/banner]

Apple era interessata ad acquistare PowerPoint, software di presentazione annunciato nel 1987 (concepito e sviluppato inizialmente solo per Mac), commercializzato due mesi più tardi e inizialmente distribuito da Forethought, azienda che all’epoca aveva creato, tra le le altre cose, anche un database noto come “FileMaker Plus”, diventato in seguito FileMaker.

A rivelare il retroscena della mancata acquisizione è Robert Gaskins che all’epoca si occupava dello sviluppo di PowerPoint e svolgeva il ruolo di vice presidente presso Forethought. Al software di presentazione erano interessante anche altre aziende, incluse Borland e Xerox. Microsoft inizialmente voleva offrire 5,3 milioni di dollari oltre ad incentivi per gli sviluppatori che avrebbero potuto (almeno inizialmente) lavorare in remoto.

Una delle primissime versioni di PowerPoint su Mac
Una delle primissime versioni di PowerPoint su Mac

Le trattative andarono per le lunghe e il 25 giugno del 1987 Microsoft offrì 14 milioni di dollari, acquisendo l’intera azienda e trasformandola nella prima “business unit” (divisione indipendente) della multinazionale di Redmond, la prima importante acquisizione di Microsoft che aveva visto nel team in questione un gruppo di “grandi persone” in grado di realizzare “grandi prodotti, “complementare” con la visione aziendale a lungo termine. Tra i benefit ai quali avevano diritto gli sviluppatori di Forethought, l’accesso alle mail, un privilegio raro nel 1987, anche per gli impiegati Microsoft.

Microsoft PowerPoint fu ufficialmente annunciato il 22 maggio del 1990, in concomitanza con il lancio di Windows 3.0. Apple sviluppò in proprio il suo pacchetto di presentazione integrandolo in AppleWorks, rebrand di ClarisWorks, suite da ufficio creata dalla controllata Claris, inclusa con i Mac fino al 2004. Successivamente propose Keynote, applicazione di presentazione mostrata la prima volta nel 2003 e per anni segretamente testata da Steve Jobs in persona.

Gli impiegati della "Graphics Business Unit" di Microsoft nel 1992
Gli impiegati della “Graphics Business Unit” di Microsoft nel 1992