Home Hi-Tech Finanza e Mercato Apple vuole accesso ai documenti della Coalition for App Fairness

Apple vuole accesso ai documenti della Coalition for App Fairness

Apple ha citato in giudizio la Coalition for App Fairness, una organizzazione nonprofit indipendente voluta e creata da alcuni sviluppatori che puntano il dito contro la Casa di Cupertino principalmente per le commissioni e le regole di App Store, coalizione che vede tra i suoi membri nomi quali Epic, Spotify e altri ancora.

Coalition for App Fairness sta combattendo contro tre richieste di Cupertino per l’accesso a comunicazioni interne, affermando che tali comunicazioni private potrebbero essere usate per ritorsioni contro membri della coalizione.

Secondo la Coalition for App Fairness la loro organizzazione non è coinvolta in questioni che riguardano l’antitrust, problematiche sulle quali Apple ha gli occhi puntati prima ancora della formazione della coalizione. Apple ha chiesto di mettere agli atti comunicazioni intercorse tra Forbes Tate Partners LLC, azienda di affari della Coalition for App Fairness, e  Meghan DiMuzio, direttore esecutivo della coalizione.

Apple è alla ricerca di “una serie di documenti e comunicazioni”, quali documenti legati alla nascita della coalizione, sulle attività, verbali di riunioni, dettagli sull’assunzione di personale, lista di iscritti, comunicazioni finanziarie, comunicazioni tra membri e potenziali membri della coalizione, e comunicazioni che riguardano Apple con qualsiasi ente pubblico straniero o nazionale e altre entità.

Il sito Appleinsider riferisce che Coalition for App Fairness teme che se le richieste di Apple verranno approvate potrebbero minare “la schiettezza” nelle discussioni tra i propri membri e l’efficacia degli sforzi di sensibilizzazione.

Sviluppatori contro Apple formano la Coalizione per l’Equità delle App

“Apple ha fatto richieste invadenti di documenti e comunicazioni che non hanno la minima connessione su questi temi”, afferma la Coalition for App Fairness, riferendo di “richieste di documenti relativi alla governance interna, al supporto finanziario, strategie per le public relation, e grandi quantità di comunicazioni confidenziali tra Coalizione, staff, membri e altri ancora”. “Il vero scopo delle richieste di indagine da parte di Apple dovrebbe essere ovvio”, afferma la Coalizione, “cercare di punire i suoi avversari, ficcando il naso nelle loro comunicazioni riservate con onerose e invadenti ricerche”.

Coalition for App Fairness ha chiesto al giudice di invalidare del tutto la richiesta di Apple.

Offerte Speciali

iPad Air 256 GB Wi-Fi e 64 GB cellular: scontatissimi su Amazon i modelli 2020

Su Amazon trovate in sconto iPad Air Cellular da 64 GB e iPad Air Wi-Fi da 256 GB con ribassi oltre il 14% e spedizione immediata.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,767FansMi piace
90,954FollowerSegui