Apple preme per il video su iTunes in tutta Europa?

Apple secondo alcuni media francesi potrebbe essere prossima al lancio della vendita di telefilm sull'iTunes francese. Ma la Mela, si dice sempre d'oltralpe, sta premendo sfruttando le leggi dell'Ue per portare ovunque la sua strategia.

La Francia sarà  il prossimo paese ad avere un negozio di show TV? Secondo Electronic Librela risposta è sì, visto che alcuni dei principali studi di produzione hanno licenziato ad Apple il diritto di mettere in vendita sul suo negozio on line i loro contenuti.

Tra le case di produzione ad avere stilato un contratto con la Mela ci sarebbero le Tv francesi, EuropaCorp (la casa di produzione di Luc Besson) e le filiali locali di Disney e Paramount. Sulla barricata ci sarebbero però ancora i colossi Canal+ e F1 che sarebbero riluttanti ad accettare le condizioni richieste da Apple. In ogni caso, sostiene Electron Libre, Apple è intenzionata ad andare avanti comunque e ad annunciare l’€™apertura della vetrina dei film su iTunes store per la Francia prima della fine di maggio.

Il lancio in Francia di una sezione video non rappresenterebbe una grande novità . Apple è già  sbarcata nel Regno Unito e in Germania e, per tradizione, la Francia rappresenta il terzo grande mercato del Vecchio Continente sul quale la Mela punta da sempre.

Telerama, una rivista specializzata in televisione, citata da Macbidouille, conferma questa ipotesi ma aggiunge anche Apple è intenzionata a spingere sull’€™acceleratore portando presto il video anche in altri paesi europei. Per raggiungere questo scopo pare che la Mela sia intenzionata a fare leva sulle leggi che le garantirebbero di ottenere una sola licenza in Lussemburgo per tutte le varie nazioni dell’€™Ue, aggirando le complicazioni delle autorizzazioni in chiave nazionale.

Ricordiamo che Apple, in più occasioni, ha manifestato il suo interesse ad aprire una sezione video di iTunes per i mercati europei. Il presidente di Apple Europa a suo tempo aveva anche fatto sapere di non disperare di poterlo fare lo scorso anno, ma gli auspici, molto probabilmente per la complessità  dei nostri mercati tutti legati a società  nazionali per la gestione dei diritti d’autore, sono stati smentiti. Quello che appare chiaro è che Apple ha bisogno del video su più mercati soprattutto come fattore di traino per il suo hardware: Apple Tv, iPod Touch e, presto, anche iPhone.