Cook all’assemblea azionisti Apple «Soddisfazione iPhone X al 99%, 19 acquisizioni nel 2017»

L’assemblea degli azionisti Apple si è svolta ieri nello Steve Jobs Theater: Tim Cook svela alcuni nuovi dati tra cui la soddisfazione clienti di iPhone X al 99%, l’acquisizione di 19 società nel 2017, i piani per il suo successore nel ruolo di CEO di Cupertino e altro ancora

Per la prima volta l’assemblea degli azionisti Apple si è svolta ieri nello Steve Jobs Theater: la maggior parte di questo evento istituzionale è dedicato alla discussione delle proposte degli investitori e alle votazioni di routine, ma non sono mancate dichiarazioni interessanti rilasciate da Tim Cook durante la sessione di domande e risposte.

Il Ceo di Cupertino ha dichiarato, come riporta 9to5Mac, che la soddisfazione clienti per iPhone X è al 99%, a memoria di chi scrive la più alta mai registrata per qualsiasi modello di iPhone precedente. Interessante anche la considerazione sul business indossabili di Cupertino: Cook ha dichiarato che il volume di affari per AirPods, Beats, Apple Watch si sta avvicinando a quello di una società Fortune 300.

Negli scorsi giorni diverse rilevazioni di mercato hanno evidenziato il balzo nelle vendite di Watch registrato in tutti i mesi dopo il lancio della Serie 3. La progressione in crescita emerge anche dai confronti offerti da Cook: questa estate il CEO aveva infatti dichiarato che il business indossabili Apple era pari a una società Fortune 500, mentre solo all’inizio di febbraio durante la presentazione dei risultati Q1 2018 il giro d’affari era stimato come una azienda Fortune 400.

assemblea azionisti apple - foto Steve Jobs theater
Steve Jobs Theater in Apple Park: foto Apple

Come spesso accade per l’elevato livello di riservatezza di Cupertino veniamo a conoscenza dei numero esatto delle società acquisite solo grazie alle dichiarazioni ufficiali: nel 2017 Apple ha comprato 19 società di cui 9 rimangono ancora ignote. Considerando tutti i prodotti e i servizi Apple, Cupertino ora conta su circa 250 milioni di utenti abbonati sommando iCloud, Apple Music e così via.

Rispondendo a una domanda Cook ha anche illustrato i piani di Cupertino per il successore nel suo ruolo di Ceo: Apple ha dei candidati interni già designati e una delle mansioni di Cook è proprio quella di formarli. In ogni caso la società può sempre decidere di assumere un dirigente esterno.

Per quanto riguarda i pagamenti mobile, Tim Cook ritiene siano «Decollati più lentamente di quanto pensassi» anche se l’adozione sta aumentando in mercati chiave come la Cina e la Russia, chiudendo con una battuta «Spero di essere ancora vivo per vedere l’eliminazione dei soldi».

Tim Cook
Tim Cook

Sempre rispondendo a una domanda il Ceo ha poi dichiarato di non essere un fan dei dividendi speciali ma che Apple si è prefissata di incrementare i dividenti agli azionisti ogni anno. Cook ha anticipato che la società comunicherà maggiori informazioni sul programma di restituzione del capitale nel mese di aprile, dove con ogni probabilità scopriremo più in dettaglio anche come Cupertino impiegherà l’immensa riserva di 350 miliardi di dollari detenuti all’estero che saranno rimpatriati grazie alla riforma fiscale dell’amministrazione Trump.

Parlando di negozi al dettaglio, Cook ha dichiarato che non sono destinati a scomparire «Crediamo che l’interazione con le persone continui a superare qualsiasi cosa». Infine una brutta notizia per chi ha sempre sognato di poter un giorno visitare l’edificio principale Astronave di Apple Park. Purtroppo la mega struttura ad anello sembra resterà sempre inaccessibile perché «Abbiamo così tante cose riservate in giro» e ancora «Tenere riservate le cose la rovina della mia esistenza ora».