Malato terminale, FitBit staccherà la spina a Pebble dal 30 giugno

Questa volta è finita: FitBit cesserà qualsiasi supporto a Pebble dal 30 giugno prossimo; le notifiche sull'orologio continueranno a funzionare, finché funzioneranno le app iOS e Android, ma non si potrà più rispondere con la voce.

[banner]…[/banner]

Questa volta sembra essere finita: Fitbit fermerà il supporto agli smartwatch Pebble a partire dal 30 giugno prossimo. Lo ha annunciato direttamente la società in un post sul blog ufficiale: da luglio Pubble non sarà più un orologio intelligente, piuttosto una sorta di vera e propria reliquia.

Lo stop al supporto si tradurrà nella chiusura definitiva del Pebble App Store, del forum Pebble, dello strumento di sviluppo Pebble, oltre a cessare completamente quelle funzionalità vocali che consentivano risposte rapide ai messaggi e alle e-mail.

Al momento, sembra invece che continueranno a funzionare le companion app Pebble per iOS e Android, anche se i futuri aggiornamenti ai due sistemi operativi potrebbero impedirne il corretto avvio. Questo vuol dire che le notifiche su Pebble continueranno a funzionare, finché le relative app potranno essere avviate.

Subito dopo l’acquisizione di Pebble, Fitbit aveva rassicurato il pubblico sul funzionamento per gli smartwatch della società, anche se era ben chiara la fine del progetto: si trattava, insomma, solo di una questione di tempo. Sembra che siano rimasti sei mesi di vita all’ecosistema Pebble, tempo che potrà servire agli utenti per effettuare il passaggio all’ecosistema di orologi Fitbit. A tal proposito, chiunque possegga uno smartwatch Pebble, potrà beneficiare di uno sconto di 50 dollari sull’acquisto di Fitbit Ionic. Un “contentino” che potrebbe non piacere a tutti.