fbpx
Home Hi-Tech Finanza e Mercato Elon Musk manda in fumo 14 miliardi di dollari con un tweet...

Elon Musk manda in fumo 14 miliardi di dollari con un tweet su Tesla

A Elon Musk sono bastate sette parole scritte su Twitter per far crollare di circa 14 miliardi di dollari il valore in borsa delle azioni della sua azienda Tesla. Venerdì 1 maggio l’imprenditore ha scritto su Twitter che secondo lui il prezzo della azioni di Tesla è troppo alto.

In pochi minuti le quotazioni della società sono sprofondate di valore, passando da 760 a 690 dollari, bruciando circa 14 miliardi di dollari, 3 dei quali scomparsi direttamente dalle tasche dello stesso Musk.

Le azioni di Tesla sono state protagoniste durante l’ultimo anno di un’eccezionale scalata, raggiungendo il prezzo massimo a metà dello scorso febbraio, quando una singola azione valeva più di 915 dollari.

La capitalizzazione totale dell’azienda di Musk aveva superato quella di Volkswagen (che vende circa 30 volte il numero di auto vendute da Tesla), posizionando il valore della società dietro solo a quello di Toyota.

Elon Musk brucia 14 milioni di dollari con un tweet su Tesla

L’impennata del prezzo delle azioni di Tesla ha acceso il dibattito su quale sia il valore reale di una società che, al netto dell’ottimismo e dell’hype che finora hanno sempre circondato (e protetto) la creatura di Musk, sembra essere sempre più sopravvalutata dalla borsa, questo nonostante l’istrionico imprenditore ci abbia messo spesso del suo per dare grattacapi agli investitori.

Nel 2018 Musk aveva fumato marijuana durante una in diretta streaming, causando un altro crollo delle azioni di Tesla; sempre nello stesso anno aveva dichiarato in un tweet di aver trovato finanziamenti sufficienti per poter ritirare Tesla dalla borsa, creando un nuovo terremoto per gli investitori.

A seguito di queste uscite, per tutelare gli azionisti la SEC aveva multato Musk, l’aveva costretto alle dimissioni dalla posizione di presidente di Tesla e aveva imposto che ogni tweet di Musk dovesse essere approvato prima della sua pubblicazione da un avvocato assunto appositamente per monitorare le sue comunicazioni.

A proposito del suo ultimo tweet, il Wall Street Journal ha chiesto direttamente a Musk se stesse scherzando e se il suo tweet fosse stato controllato prima della pubblicazione, ricevendo un lapidario “no” come risposta.

Potrebbero dunque esserci nuovi guai in vista per il fondatore di Tesla.

Offerte Speciali

Su Amazon torna Mac mini M1 in pronta spedizione

Mac mini M1 con SSD 256 GB al minimo storico: solo 765,99 € su Amazon

In offerta con sconto di più di 50 € su Amazon il recentissimo Mac mini con processore M1: 8 core grafici e 8 core di calcolo con SSD da 256 GB per sfruttare al massimo anche macOS Big Sur.
Pubblicità
Pubblicità

Seguici e aggiungi un Like:

64,834FansMi piace
93,210FollowerSegui