Evento Apple: arrivano libri interattivi e una piattaforma per scrittori indipendenti?

Secondo alcune fonti americane l'evento con al centro iTunes e i contenuti in digitale previsto per fine mese si concentrerà su libri di testo interattivi e di nuova generazione e su una piattaforma per la pubblicazione di testi da parte di autori indipendenti. Registrati anche alcuni filmati da usare durante la presentazione di Eddie Cue.

ibookstoreUna iniziativa per digitalizzare e rendere interattivi i libri di testo in accordo con alcune case editrici e un modulo per la pubblicazione diretta su iBooks di libri da parte di singoli autori che vogliono intraprendere l’attività di scrittori e offrire le proprie opere sulla vetrina Apple senza ricorrere ad intermediari. Ecco quelle che sembrano essere le due ipotesi più accreditate per quanto riguarda il rumoreggiato evento che dovrebbe tenersi entro fine mese a New York, organizzato da Apple ed introdotto da Eddie Cue.

A sostenere e sottolineare l’ipotesi che si parli di libri di testo per le scuole sono diverse fonti fin dalla nottata americana. Ora sia MacRumors che Ars Tecnica si spingono, oltre ipotizzando che Apple sarebbe interessata a spingere una nuova piattaforma multimediale ed interattiva, basata sulle specifiche di EPUB 3, in collaborazione con alcuni editori americani. I libri in questione sarebbero di fatto una sorta di ibrido tra un’applicazione e un volume tradizionale con diverse parti composte da filmati, audio, animazioni, moduli con cui interagire. Nei giorni scorsi sarebbero state filmate anche alcune interviste con responsabili di case editrici americane partner di Apple e che farebbero da testimonial durante l’evento.

L’ipotesi più interessante per le ricadute più vaste che avrebbe a livello internazionale (lo sforzo per una editoria interattiva a favore delle scuole sarebbe forzatamente ristretta, almeno inizialmente, al mercato USA) è quella che nasce dal blog di Goodreader. Qui Michael Kozlowski afferma che Apple avrebbe intenzione di annunciare entro fine mese una piattaforma per “autopubblicazione” di libri si iBooks Store. In termini pratici questa iniziativa sarebbe simile a quella già disponibile negli USA su Amazon grazie alla quale chiunque è in grado di mettere in vendita suoi libri sul negozio in digitale del rivenditore di Seattle. Apple replicherebbe questo modello centralizzando e rendendo economico pubblicare testi dando ad essi anche la possibilità di avere una vetrina molto visibile e questo senza ricorrere ad intermediari di nessun tipo cui cedere potere decisionale e profitti.

Non è chiaro se l’annuncio della piattaforma e l’evento di cui si parla da questa notte siano intrecciati, ma sembra assai probabile che se quanto si dice nel blog è vero, sia così.