Intel mette all’asta i brevetti su telefonia cellulare e chip-modem

Intel si prepara a vendere al migliore offerte proprietà intellettuali che riguardano tecnologie wireless, un portafoglio che nell'insieme vanta 8500 asset.

Apple non utilizzerà il modem 5G di Intel nei futuri iPhone 2018

Ad aprile di quest’anno Intel ha annunciato l’uscita al business dei chip-modem e ora a quanto pare si prepara a mettere all’asta proprietà intellettuali che riguardano tecnologie wireless, un portafoglio che nell’insieme vanta 8500 asset.

L’accordo tra Apple e Qualcomm che ha posto fine alle dispute legali tra le due aziende, ha spinto Intel a uscire da attività legate ai chip-modem. Il CEO di intel, Bob Swan, in una dichiarazione rilasciata al Wall Street Journal ad aprile di quest’anno a margine della presentazione dei risultati finanziari di relativi al primo trimestre 2019, aveva spiegato: “Abbiamo valutato le prospettive di guadagnare offrendo questa tecnologia per gli smartphone e ritenuto al momento di non vedere un percorso».

Apple, in realtà, è stata costretta a un accordo con Qualcomm, per l’impossibilità di ottenere tecnologie 5G da Intel. La Mela ha atteso fino all’ultimo momento e, compresa l’impossibilità di ottenere ciò che desiderava, ha dovuto giocoforza rivolgersi a Qualcomm.

A questo punto Intel è fuori dai giochi e preferisce recuperare quanto più denaro possibile svendendo i gioielli della divisione. Si parla, come accennato, di circa 8500 asset legati a vario titolo alla telefonia mobile; un portafoglio separato in due: connessioni cellulari e dispositivi connessi.

Stando a quanto riporta IAM Media, il portafoglio di telefonia cellulare consiste in circa 6000 brevetti legati agli standard 3G, 4G e 5G e 1700 asset che riguardano l’implementazione di tecnologie wireless. Il secondo portafoglio è più piccolo, solo 500 brevetti, ma questi avrebbero un campo di applicazione ampio, sia nel settore dei semiconduttori, sia in quello industriale. Intel continuerà ad ogni modo a mantenere alcuni asset strategici nonostante la vasta serie di brevetti in vendita.

Intel mostrerà l’Ice Lake a 10nm e l’Intel Core i9-9900KS in grado di attivare tutti gli otto core a 5GHz

A occuparsi della vendita sarà Nader Mousavi of Sullivan & Cromwell (società di consulenza legale specializzata in proprietà intellettuali) e indicazioni non vincolanti dovrebbero essere fornite ai potenziali interessati all’inizio di agosto. Asta per le proprietà intellettuali a parte, Intel nel frattempo starebbe cercando lo stesso di vendere la sua divisione che si occupa di tecnologie legate agli smartphone. Nelle passate settimane si è più volte vociferato dell’interesse di Apple ma finora le due aziende non sono riuscite ad accordarsi.

La vendita delle attività legate ai chip-modem, consentirebbe a Intel di scaricare costose attività che comportano perdite per circa 1 miliardo di dollari l’anno. Nel 2011 l’ambito portfolio di brevetti e di tecnologie di proprietà Nortel è stato acquistato all’asta da un consorzio composto da Apple, EMC, Ericsson, Microsoft, RIM e Sony. Nel 2014 il consorzio Rockstar creato per l’occasione ha interrotto la sua operatività vendendo il portfolio brevetti a RPX, società che si occupa di mitigazione dei rischi.